Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MIGRANTI ASFISSIATI, 8 FERMATI

CATANIA: MIGRANTI ASFISSIATI, 8 FERMATI

I presunti scafisti mantenevano l'ordine a cinghiate. I fermati sono il comandante del barcone e i componenti dell'equipaggio, pare vi sia tra loro anche un minorenne. La Procura li ha accusati di omicidio volontario plurimo per la morte di 49 persone.

 

CATANIA: MIGRANTI ASFISSIATI, 8 FERMATI –

Catania. Vittime e sopravvissuti della tragedia sono sbarcati ieri mattina nel porto etneo. I presunti scafisti incriminati sono otto extracomunitari, tra cui un minorenne. Gli indagati sono stati arrestati da polizia e guardia di finanza di Catania perché ritenuti i membri dell’equipaggio del barcone in avaria nel Canale di Sicilia con 312 migranti e 49 cadaveri soccorso dal pattugliatore della marina militare Cigala Fulgosi. Gli indagati in stato di fermo sono di tre marocchini, quattro libici e un siriano. Sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio volontario plurimo. I presunti scafisti sono il comandante del barcone e i componenti dell’equipaggio: avrebbero condotto loro il barcone di 13 metri salpato dal porto di Zuwara in Libia, così come hanno raccontato alle autorità competenti molti dei superstiti. Secondo quanto emerso dalle prime indagini, considerato l’elevato numero di persone presenti sul natante, gli scafisti si occupavano della disposizione dei profughi e della distribuzione dell’acqua. Inoltre, si occupavano come dei veri e propri aguzzini per il mantenimento dell’ordine a bordo che veniva esercitato con violenza pugni, calci, bastoni e cinghie nei confronti soprattutto di quei migranti che cercavano di salire dalla stiva in cui erano ammassati e nella quale sono morti verosimilmente a causa della mancanza di aria e delle esalazioni dei gas di scarico del motore dell’imbarcazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook