FERRAGOSTO, MIGLIAIA A LAVORO

FERRAGOSTO, MIGLIAIA A LAVORO

Il Movimento cinque stelle attraverso il proprio sito ufficiale denuncia che: "Oggi giornata di Ferragosto migliaia di cittadini sono costretti a lavorare in negozi di grandi catene commerciali, e Renzi fa gli interessi dei grandi centri commerciali mentre il Senato ignora la nostra proposta di legge”.

Print Friendly, PDF & Email

 

FERRAGOSTO, MIGLIAIA A LAVORO –

Il blog di Beppe Grillo è sempre attivo. Anche in occasione del Ferragosto denuncia la condizione di chi lavora e non può permettersi le vacanze. Il post del Movimento cinque stelle pubblicato su internet recita: “Oggi giornata di Ferragosto migliaia di cittadini sono costretti a lavorare in negozi di grandi catene commerciali. Tutto questo non accadrebbe più se il Senato discutesse e approvasse al più presto la proposta di legge unitaria a prima firma Michele Dell’Orco (Movimento 5 Stelle)”. Ancora nel post, i cinquestelle spiegano: ”La proposta di legge è già stata approvata in prima lettura alla Camera dei Deputati in data 25 settembre 2014. La maggioranza insieme con Forza Italia sta fermando questa legge che è incardinata ma di fatto insabbiata nella Commissione attività produttive. La proposta del M5s già approvata alla Camera prende spunto dalla campagna ‘Libera la domenica’ sostenuta da tante associazioni e prevede la chiusura obbligatoria degli esercizi commerciali (non dei pubblici esercizi) in queste giornate: Capodanno, Epifania, 25 aprile, Pasqua, Pasquetta, 1 maggio, 2 giugno, Ferragosto, 1 novembre (tutti i Santi), 8 dicembre (Immacolata Concezione), Natale e Santo Stefano”.
Da ciò che si evince, il Movimento 5 stelle denuncia che: “a discrezione dei Comuni, sei di queste dodici festività potranno essere sostituite da una domenica nel corso dell’anno. La proposta 5 stelle originaria tutelava ancora di più i lavoratori ma parte della maggioranza insieme a Forza Italia ha giocato al ribasso. Tra gli obiettivi della legge c’è anche quello di dare un maggior potere decisionale agli enti locali, Regioni e Comuni, che potranno decidere i giorni di chiusura sulla base delle esigenze dei territori. Questa è infatti una battaglia che non riguarda soltanto il settore commerciale ma la qualità della vita della gente. Prevede anche lo stanziamento di 90 milioni di euro per i piccoli esercizi commerciali. Dopo l’approvazione alla Camera la legge, osteggiata dagli interessi dei grandi centri commerciali cari al Pd renziano e Forza Italia ed esponenti montiani, è ferma al Senato da troppo tempo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook