Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MORTE ILARIA: INDAGATA LA PUSHER DELLA RAGAZZA

MORTE ILARIA: INDAGATA LA PUSHER DELLA RAGAZZA

Si è svolto a Messina il funerale di Ilaria Boemi, la sedicenne morta nella spiaggia del litorale Ringo. I parenti e compagni di classe la difendono: "Ilaria non era come l'hanno descritta, i media hanno puntato sull'apparenza". Insultati i giornalisti. Procura e investigatori sono a lavoro per ricostruire la dinamica della morte.

Print Friendly, PDF & Email

 

MORTE ILARIA: INDAGATA LA PUSHER DELLA RAGAZZA –

Morte Ilaria. Molta gente era presente nella chiesa valdese di via XXIV Maggio per dare l’ultimo saluto a Ilaria Boemi, la sedicenne trovata morta tre giorni fa sulla spiaggia del lungomare Ringo a Messina. Prima del funerale, ma anche ieri durante un momento di ricordo nella parrocchia di Santa Caterina, familiari, professori e compagni di classe della ragazza l’hanno difesa: “Non era quella che è stata descritta e che appare sulle foto di Facebook, era una ragazza splendida, buona, educata. I media hanno puntato sull’apparenza estetica, ma caratterialmente Ilaria era tutta un’altra cosa”. Lillo Boemi, fratello di Ilaria ha ricordato chi era la sorella: “Mia sorella era una bambina, aveva solo 16 anni e tanta voglia di vivere. Non faceva uso di stupefacenti. Se le analisi diranno il contrario vuol dire che qualcuno le ha messo qualcosa in un cocktail che aveva bevuto poco prima”. Operatori tv e giornalisti sono rimasti fuori dal luogo di culto. Alcune persone vicine ai familiari hanno fatto sapere che gli operatori dell’informazione non erano graditi e qualcuno li ha anche insultati. La bara bianca era ricoperta di rose con accanto un pallone a forma di cuore con la scritta colorata ‘Ilaria ci manchi’. Presenti centinaia di messinesi, tra i quali il sindaco Renato Accorinti. Amici e compagni di classe hanno anche esposto due cartelli fuori dalla chiesa con foto di Ilaria. Una fase scritta ricordava la loro amica: “E il tuo sorriso cosa era un pezzo di volta celeste pura in mezzo a tutta sta bufera” e “Chissà dove eri, ti ho cercato tra le nuvole, ma tu non c’eri”. Intanto Procura e investigatori lavorano senza sosta per accertare cause ed eventuali responsabili della morte. Indagata per cessione di sostanze stupefacenti la 16enne che avrebbe dato dell’ecstasy a Ilaria. La denuncia in stato di libertà, che potrebbe aggravarsi con la contestazione del reato di morte come conseguenza di un altro delitto, è stata formalizzata dalla Procura per i minorenni di Messina. La polizia di Stato ora sta verificando la sua testimonianza. Alla presunta pusher gli investigatori sono giunti dopo la testimonianza dei due amici, una sedicenne e un ragazzo maggiorenne, che erano con Ilaria quando alla ragazzina è venuto il malore.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook