Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA CALCIO: DASPO PER PULVIRENTI E COSENTINO

CATANIA CALCIO: DASPO PER PULVIRENTI E COSENTINO

Comincia a Roma il processo sportivo a carico dei dirigenti e della società rossazzurra in merito alle presunte partite combinate. Intanto arriva il Daspo per Pulvirenti e Cosentino: vietati per 5 anni accesso a stadi e partite.

 

 

CATANIA CALCIO: DASPO PER PULVIRENTI E COSENTINO –

Catania Calcio. A Roma si comincia proprio con il processo relativo al filone Catania. sul banco degli imputati Antonino Pulvirenti e il club rossoazzurro. A loro carico la responsabilità diretta nelle presunte 6 partite combinate dello scorso campionato di B: Catania-Avellino, Varese-Catania, Catania-Trapani, Latina-Catania, Catania-Ternana e Catania-Livorno. Assieme all’ex presidente del club etneo Pulvirenti, imputati anche l’ex ad, Pablo Cosentino, il collaboratore Piero Di Lazio e l’agente Fifa, Fernando Arbotti. I legali di Pulvirenti, Lattanzi e Grasso e dell’avvocato del Catania, Eduardo Chiacchio, tendono a scongiurare una forte batosta come ad esempio una retrocessione d’ufficio in Serie D.
Pulvirenti ha confessato le sue colpe, proprio per evitare una repentina retrocessione. L’ex presidente del Catania ammettendo le sue responsabilità e confermando i nomi dei tesserati delle altre squadre coinvolti (che saranno processati più avanti), si aspetta in cambio dal Tribunale Federale Nazionale della Figc, presieduto da Sergio Artico, l’ok al patteggiamento: forse cinque anni, evitata dunque la radiazione e l’iscrizione del club etneo in Lega Pro, con una forte penalizzazione. Se i giudici dovessero accettare, il processo si sgonfierebbe subito e l’Entella potrebbe considerarsi ripescato da subito. In caso contrario, si aprirebbero molteplici scenari e si andrebbe al secondo grado previsto per la fine di Agosto. Proprio alla luce del diffuso malcontento registrato nella tifoseria locale, sottolineano dalla questura di Catania, si ritiene che la semplice presenza di Pulvirenti negli impianti sportivi dove gioca la squadra etnea “possa rappresentare un concreto pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica”. Il Daspo, si ribadisce quindi, “è emesso per preservare Pulvirenti, Cosentino e tutti gli altri soggetti coinvolti nella vicenda giudiziaria da concreti rischi per la propria incolumità”. Intanto il questore Marcello Cardona ha firmato il Daspo per Antonino Pulvirenti e l’ex ad Pablo Cosentino. Quindi, stadi e manifestazioni calcistiche vietate per 5 anni a carico dei due ex dirigenti indagati.
Il pm federale, Stefano Palazzi, in applicazione dell’articolo 24 del Codice di giustizia sportiva per la fattiva collaborazione chiede la retrocessione in Lega Pro e 5 anni di inibizione per Pulvirenti. Il pm federale ha affermato: “La collaborazione è sempre rarissima e per questo merita una particolare valutazione premiale”. In merito agli altri deferiti, che sono: l’ex ad del Catania, Pablo Cosentino e il dirigente Piero Di Luzio, stralciato l’agente di calciatori Michele Arbotti, la richiesta di Palazzi è 5 anni di inibizione più preclusione e tre anni di proibizione in continuazione con un’ammenda di 60 mila euro. Tutte le indagini e gli accertamenti sono stati eseguiti dalla Divisione anticrimine e Digos della questura.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook