Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: OK ALLA RIFORMA DELL’ACQUA

ARS: OK ALLA RIFORMA DELL’ACQUA

All’ARS inizia l’iter per l’approvazione del testo sulla nuova legge elettorale che tende a favorire la gestione pubblica dell'acqua. In aula viene fuori la vicenda della partecipata ‘Siciliacque Spa’ che applicherebbe ricarichi elevati ai propri utenti.

Print Friendly, PDF & Email

 

ARS: OK ALLA RIFORMA DELL’ACQUA –

Ars. l’Assemblea regionale siciliana inizia la discussione sull’approvazione della legge riforma per l’acqua. Per tutta la giornata di ieri, l’Aula ha affrontato gli altri otto articoli, dopo che giovedì scorso era stato approvato attraverso i primi sei articoli, il “pacchetto” cardine dell’intera riforma. L’Ars, sempre nella seduta di ieri ha approvato il rendiconto della Regione siciliana per il 2014 con il voto favorevole di 33 unità, contrari 19.
Il testo tende a favorire la gestione pubblica. Tra i deputati si è aperto un ampio dibattito che ha visto gli interventi di diversi schieramenti che hanno affrontato il tema importante dell’acqua pubblica ed è stata accusata ‘Siciliacque Spa’, società partecipata dalla Regione al 25%, che detiene oggi la distribuzione di una significativa quota di acqua nell’Isola. È emerso inoltre che Siciliacque compra oggi l’acqua dai Consorzi di bonifica a 5 centesimi al metro cubo per rivenderla, dopo la potabilizzazione, ad un prezzo compreso tra i 79 e i 98 centesimi.
La convenzione con Siciliacque è stata firmata nel 2004 e scadrà nel 2044. E’ stato sancito che l’acqua, come bene pubblico “non assoggettabile a finalità lucrative”, avrà una tariffa regionale “tendenzialmente” unica, ed è prevista un’Autorità di bacino regionale e la ridefinizione degli Ato (Ambiti territoriali ottimali), che saranno nove. Saranno quindi agli Ato a contribuire per l’ottimizzazione della gestione che i singoli centri, da soli, specie i più piccoli, non potrebbero portare avanti se non in forma consociata. Nessuno può essere privato dell’acqua, nemmeno se indigente, ecco perché nasce “il quantitativo minimo vitale”, pari a 50 litri d’acqua al giorno, da assicurare anche ai cittadini morosi. E’ emersa inoltre la tendenza a frenare accordi per nuove concessioni per lo sfruttamento e l’imbottigliamento delle acque, ma anche il monitoraggio della gestione del servizio idrico per mezzo di forme dirette di partecipazione. La vicenda che riguarda Siciliacque è stata rimessa all’accertamento da parte dell’esecutivo regionale per accertare eventuali inadempimenti.

E’ stato approvato l’emendamento voluto dal presidente della Regione, Rosario Crocetta, che l’acqua non utilizzabile per fini alimentari dovrà essere scontata del 50 per cento. Crocetta, presentando l’emendamento aveva spiegato: “È inaccettabile far pagare a prezzo pieno, acqua che non solo non è potabile, ma non può neppure essere usata per cucinare”.
Per quanto riguarda la gestione, la riforma tende a incentivare l’affidamento al gestore pubblico: innanzitutto saranno le stesse assemblee degli Ato a scegliere il proprio modello gestionale, che comunque sarà individuato attraverso procedure di evidenza pubblica. Per quanto riguarda il ricorso a privati è possibile solo nel caso si dimostri più conveniente rispetto a quello pubblico. La riforma così come presentata garantisce gli attuali livelli occupazionali. Il relatore della legge di riforma, Antony Barbagallo ha espresso soddisfazione per l’esito e ha affermato: “Ha vinto la parte del Parlamento che era per la gestione pubblica dell’acqua, ha trionfato la ripubblicizzazione del servizio idrico, nelle tre forme, che sono quella del corsorzio tra Comuni, quella delle società a partecipazione pubblica e quelle delle gestioni dirette. È garantito un minimo di 50 litri al giorno per tutti, ed anche a morosi ed indigenti”. Rispetto al passato, le convenzioni pluridecennali scompaiono. Infatti, ogni affidamento potrà durare un periodo non superiore a nove anni. In caso di interruzione del servizio per più di quattro giorni ad almeno il 2 per cento del bacino, il gestore privato andrà incontro a una maxi-sanzione compresa fra i 100 e i 300 mila euro per ogni giorno di interruzione, e alla possibilità di risoluzione del contratto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook