Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: CERIMONIA DEL VENTAGLIO, POLITICA REGIONALE IN FERIE

ARS: CERIMONIA DEL VENTAGLIO, POLITICA REGIONALE IN FERIE

Il presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone, ha incontrato la stampa parlamentare in occasione della tradizionale cerimonia del ventaglio. Il presidente dell’Assemblea Regionale ricorda ai presenti: "nonostante l'alternarsi di 38 assessori del governo Crocetta che ha comportato rallentamenti, questa legislatura arriverà alla sua scadenza naturale”.

Print Friendly, PDF & Email

 

ARS: CERIMONIA DEL VENTAGLIO, POLITICA REGIONALE IN FERIE –

ARS. Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha incontrato la stampa parlamentare nella tradizionale cerimonia del ventaglio. Secondo Ardizzone: “bisogna porre in essere atti legislativi di carattere finanziario su cui non ci può essere distrazione neanche di natura elettorale”. Poi dice: “questa legislatura arriverà alla sua scadenza naturale. Ho già prenotato lo spazio per mettere a casa mia cinque ventagli, siamo al terzo. Lo dico da uomo delle istituzioni”. In merito alla prossima manovra finanziaria Il presidente dell’ARS interviene dicendo: “si andrà all’esercizio provvisorio. Ho già invitato il governo a depositare la finanziaria e il bilancio. Ho già incontrato l’assessore Alessandro Baccei. Siccome la legge di stabilità nazionale sarà approvata solo a dicembre è impensabile pensare che non si vada realisticamente all’esercizio provvisorio”. In merito alle dimissioni dell’assessore Borsellino Ardizzone dice: “Accelerazione sull’azione amministrativa dopo le dimissioni dell’assessore Borsellino? Si è vero, c’è stata. Anche per il rincorrersi di notizie, spesso infondate, e la politica aveva il dovere di dare delle risposte”. Ancora Ardizzone interviene: “Si era parlato pure di elezioni anticipate ad ottobre una cosa impossibile perchè non dimentichiamo che il Governo ha impugnato il bilancio. Comunque, io stesso avevo detto in tempi non sospetti che non si sarebbe andati a casa, se era necessario andarci, senza l’approvazione della riforma sulle Province”. Poi chiosa: “L’alternarsi di 38 assessori del Governo Crocetta ha comportato rallentamenti per la burocrazia, è ovvio. Se c’è stabilità politica possiamo riportare tutto nell’ordinarietà”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook