Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: TROVATA RAGAZZINA MORTA

MESSINA: TROVATA RAGAZZINA MORTA

Il corpo di una ragazzina 17 anni, è stato trovato nel lungomare Ringo a Messina. La giovane non aveva nessun documento e ancora nessuna denuncia di scomparsa è stata presentata. Aveva i capelli corti rasati in ambedue i lati e tre piercing. Gli inquirenti cercano due ragazzi che sono stati visti assieme alla diciassettenne.

 

MESSINA: TROVATA RAGAZZINA MORTA –

Messina. Il cadavere di una diciassettenne, Ilaria Boemi, è stato rinvenuto adagiato sulla spiaggia del lungomare Ringo nel capoluogo peloritano, nei pressi dal circolo del tennis e della vela. Ad accorgersi del corpo senza vita di Ilaria sarebbero stati dei passanti che subito hanno allertato il 118 e le forze dell’ordine.
La minorenne non aveva con sé documenti di riconoscimento e nessuna denuncia di scomparsa è stata presentata. Scattate le indagini gli investigatori dopo poche ore sono riusciti a risalire alla sua identità. Sul suo corpo non sono stati riscontrati segni di violenza sul cadavere e dopo le prime indagini si esclude l’ipotesi di un’overdose da stupefacenti. Le cause della morte potranno essere chiariti soltanto dopo l’autopsia che sarà stabilita dal magistrato responsabile.
Dopo aver ascoltato alcuni passanti, la polizia cerca due ragazzi che sono stati visti assieme alla diciassettenne. Prima di scappare i due hanno chiesto aiuto dicendo che la loro amica stava male. Gli investigatori spiegano: ” ci insospettisce molto. Non ci sono segni buchi sulle braccia della donna, ma potrebbe aver assunto qualche droga o altro per via orale. Stiamo vagliando comunque tutte le ipotesi”.
Il presidente della quinta circoscrizione, Santino Morabito, sottolinea che la zona, prima era uno dei fiori all’occhiello della città, anche luogo storico di ritrovo per pescatori, è da anni trascurata dalle istituzioni e per questo è spesso frequentata da malviventi o drogati. Morabito ribadisce: “quanto accaduto è l’ennesima prova che, nonostante per riqualificare il lungomare siano state investite ingenti risorse pubbliche, poi non è stata fatta l’adeguata manutenzione e il luogo è stato quindi sempre più abbandonato”. Intanto, sullo spazio facebook della ragazzina, ella scrive di aver frequentato l’istituto d’arte Ernesto Basile di Messina e lascia come messaggio una strofa della canzone ‘Nave fantasma’: “Siamo nati per morire con un urlo dentro che nessuno può sentire”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook