Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CEFALÙ (PA): MUORE DAVANTI ALLA MOGLIE UCCISO DAI CINGHIALI

CEFALÙ (PA): MUORE DAVANTI ALLA MOGLIE UCCISO DAI CINGHIALI

Tragica vicenda accaduta a due anziani coniugi. La coppia è stata aggredita nelle campagne di Cefalù. La donna è stata azzannata: il marito è morto mentre cercava di difendere i cani. Il presidente del Parco delle Madonie messo al corrente ribadisce che è una tragedia annunciata.

Print Friendly, PDF & Email

 

CEFALÙ (PA): MUORE DAVANTI ALLA MOGLIE UCCISO DAI CINGHIALI –

Cefalù. Tragedia nelle campagne di Ferla, una coppia di anziani, marito e moglie sono stati aggrediti dai cinghiali nelle campagne di Cefalù in provincia di Palermo. Salvatore Rinaudo, 77 anni, è morto mentre la consorte Rosa Rinaudo, 73 anni, ha riportato diverse ferite su tutto il corpo ma non è in gravi condizioni. I due che si trovavano in una casa di campagna in contrada Ferla, sulle colline, a qualche chilometro dal centro abitato, sono stati attaccati dagli animali, nei pressi di una fabbrica dismessa di ceramiche. Sui loro corpi i medici hanno constatato segni evidenti di morsi dei cinghiali. Rosa Rinaudo racconta la sua agghiacciante aggressione: “Mio marito è uscito con i cani questa mattina. Come fa sempre per una passeggiata. Ho visto che si era fermato perché i cani hanno iniziato ad abbaiare a un gruppo di cinghiali. Non ci sono parole per descrivere quello che ho visto. Sono distrutta”. Salvatore Rinaudo ha cercato di mettere i cani in salvo ma è stato assalito dal branco ed è caduto. Mentre gli animali continuavano a caricarlo la moglie è intervenuta per difenderlo e per trascinarlo in casa ma è stata a sua volta attaccata e azzannata diverse volte. La donna si è salvata grazie all’intervento del cane che ha distratto il cinghiale inferocito. La Rinaudo è fuggita e ha dato l’allarme. Trasportata all’ospedale ha riportato ferite lacero contuse agli arti inferiori e diversi morsi all’addome.

I Sindaci dei comuni montani delle Madonie, ormai da tempo, segnalano i gravi rischi che corrono i loro concittadini ad attraversare le campagne del luogo, da imputare al numero crescente di cinghiali selvaggi nel territorio. Il presidente del Parco delle Madonie Angelo Pizzuto interviene sul caso: “Ho partecipato a decine di riunioni e tavoli tecnici, in cui abbiamo proposto, fin dal 2010, l’unico sistema ritenuto idoneo a frenare il proliferare di questi animali ibridi inselvatichiti, e cioè l’abbattimento selettivo supervisionato dalle forze dell’ordine, sul quale abbiamo anche riscosso il favore delle autorità, ma finora nulla è cambiato. Vorrei precisare che in questa vicenda l’ente parco è una vittima, al pari dei cittadini, perché c’è a rischio la vita dei cittadini e l’equilibrio di un ecosistema complesso che sta mutando senza che sia stata adottata una soluzione definitiva, che ha cercato e cerca di proporre al legislatore regionale idonee soluzioni. Ho già parlato con gli assessori di riferimento, Maurizio Croce e Sara Barresi, che si sono detti disponibili ad adottare le soluzioni più idonee e soprattutto celeri, un emendamento in tal senso è già stato depositato in commissione ambiente dall’assessore Croce che ha accolto il nostro grido di allarme. Un disastro annunciato, sul quale, nonostante le reiterate richieste ben documentate dell’ente parco delle Madonie, il legislatore non ha ancora preso gli idonei provvedimenti, lasciando al caso ed alla fortuna la risoluzione di un problema atavico. Ora il tempo è scaduto”

Il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, ha proclamato il lutto cittadino per il giorno in cui si svolgeranno i funerali dell’uomo ucciso dai cinghiali. Lapunzina si è recato in ospedale per informarsi sulle condizioni della moglie della vittima che ha incontrato al pronto soccorso dell’ospedale.

Etologo, animale si è difeso: “Il cinghiale maschio si è sentito attaccato ed ha avuto un naturale comportamento di difesa probabilmente anche per la presenza dei suoi cuccioli”. E’ questa l’analisi dell’etologo Enrico Alleva dopo l’aggressione da parte di un gruppo di cinghiali che hanno ucciso e ferito un uomo e una donna a Cefalù. “Ora che i dettagli della vicenda sono più chiari, è molto probabile che gli animali si siano sentiti aggrediti – prosegue l’etologo – dai cani e come naturale risposta evolutiva abbiano attaccato”. L’uomo che è stato ucciso, secondo la ricostruzione dei fatti, era intervenuto per difendere i cani che erano con lui.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook