Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BIMBO ANNEGATO FIUMEFREDDO: ESEGUITA AUTOPSIA SUL CORPO

BIMBO ANNEGATO FIUMEFREDDO: ESEGUITA AUTOPSIA SUL CORPO

La Procura continua con le indagini che tendono a chiarire dinamica e cause del decesso del bimbo annegato domenica scorsa a Marina di Cottone a Fiumefreddo di Sicilia.

 

BIMBO ANNEGATO FIUMEFREDDO: ESEGUITA AUTOPSIA SUL CORPO –

Bimbo annegato fiumefreddo di Sicilia. Compiuta l’autopsia sul corpicino di Gabriele 4 anni, annegato domenica scorsa nelle acque di Marina di Cottone a Fiumefreddo di Sicilia provincia del capoluogo etneo. Le indagini continuano a ritmo serrato. La Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo la madre e il padre del piccolo. Atto per consentire la nomina di consulenti di parte a tutela delle garanzie difensive. Lunedì sera, il sostituto procuratore Angelo Brugaletta, ha così deciso al termine dell’ispezione cadaverica compiuta da Giuseppe Ragazzi, il medico legale nominato dalla Procura, alla presenza dei periti di parte. Quindi, genitori indagati, decisione presa per fugare ogni possibile dubbio sulle dinamiche e sulle cause che hanno determinato il decesso del piccolo. Ora, tra gli accertamenti che potrebbero essere disposti anche quelli sulla presenza o meno di bagnini sulle torrette di salvataggio. La più vicina al luogo in cui il bimbo sarebbe entrato in acqua disterebbe circa 400 metri. Intanto, tra le testimonianze dei presenti al momento della tragedia, sotto osservazione quella di un uomo che avrebbe visto domenica mattina il corpo di Gabriele galleggiare, ma la persona lo avrebbe scambiato per una busta di plastica. Comunque pare che l’orario dell’avvistamento sia compatibile con l’ingresso in acqua del piccolo e a non molta distanza dalla riva. Impossibile per il bagnino qualsiasi possibilità di intervento. D’altronde il comune di Fiumefreddo di Sicilia è uno dei pochi ad aver attivato il servizio di salvataggio a mare, obbligatorio solo per gli stabilimenti balneari. Ma le cinque torrette presenti sulla spiaggia libera, distanziate l’una dall’altra 500 metri, non possono naturalmente garantire l’incolumità di migliaia di bagnanti che in estate affollano Marina di Cottone. Intanto ieri pomeriggio ad Aci Catena è stato lutto cittadino per l’addio al piccolo Gabriele. Bandiere a mezz’asta e negozi chiusi per esprimere la vicinanza alla famiglia colpita da questa immane tragedia. Presente alle esequie anche il sindaco Ascenzio Maesano.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook