Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VENDICARI (SR): INCENDIA UNA PARTE DELLA RISERVA

VENDICARI (SR): INCENDIA UNA PARTE DELLA RISERVA

Scoperto il piromane. Il colpevole è un operaio addetto allo spegnimento degli incendi. Si chiama Giovanni Conforto 47 anni l’uomo è stato sorpreso dagli agenti della forestale mentre appiccava il fuoco.

 

VENDICARI (SR): INCENDIA UNA PARTE DI RISERVA –

Vendicari. Giovanni Conforto, 47 anni di Noto, è accusato di aver provocato un incendio con l’aggravante di averlo appiccato in zona di riserva: si tratta di un operaio stagionale della squadra antincendi boschivi. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato mentre attizzava il fuoco nella famosa riserva di Vendicari. Il soggetto si trovava nella località “Sichilli”, nella zona B della riserva, quando, gli agenti del Corpo forestale di Siracusa hanno notato un automobile e un uomo chinato a terra con l’accendino in mano che appiccava il fuoco. Il sig. Conforto, l’operaio addetto allo spegnimento incendi la cui assenza dal lavoro per motivi di famiglia era stata segnalata dal caposquadra, si è accorto di essere stato scoperto ed è fuggito in auto ma è stato fermato dagli agenti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook