Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SEQUESTRATI BENI AD AFFILIATO DEI SANTAPAOLA

CATANIA: SEQUESTRATI BENI AD AFFILIATO DEI SANTAPAOLA

Apposti i sigilli al patrimonio di Roberto Morabito, del gruppo mafioso di Picanello. Il provvedimento emesso dal Tribunale di Catania è stato eseguito dalla Dia di Catania: sequestrati beni per un valore di 500 mila euro.

 

CATANIA: SEQUESTRATI BENI AD AFFILIATO DEI SANTAPAOLA –

Catania. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catania e gli agenti dalla Direzione investigativa antimafia hanno sequestrato a Roberto Morabito, ritenuto affiliato al clan Santapaola del gruppo di Picanello, beni mobili e immobili per un valore di oltre 500 mila euro. Intanto, la seconda sezione del Tribunale di Catania aveva condannato Morabito in via definitiva il 10 giugno del 2013 con l’accusa di tentativo di omicidio e per una serie di rapine commesse tra Catania e alcune città della Toscana. Morabito è stato condannato alla pena complessiva di nove anni e otto mesi di reclusione per estorsione, usura e installazione di apparecchiature atte a intercettare e impedire conversazioni telegrafiche e telefoniche. Nel sequestro sono inclusi una elegante villa nel centro cittadino, due autovetture di grossa cilindrata e rapporti bancari. Le indagini di natura economico-finanziaria e patrimoniale, sono state condotte dalla Dia di Catania hanno evidenziato profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto da Morabito e dai suoi familiari tali da fondare le accuse e procedere al sequestro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook