Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

A19 PALERMO-CATANIA: PRONTA LA SCORCIATOIA DEI CINQUESTELLE

A19 PALERMO-CATANIA: PRONTA LA SCORCIATOIA DEI CINQUESTELLE

Così come previsto la bretella è stata realizzata in 37 giorni. I deputati regionali del M5s soddisfatti ci tengono a sottolineare che l’intervento: "Non è la soluzione definitiva al problema, ma sarà una valvola di sfogo. La bretella sarà inaugurata venerdì e la sua funzione servirà ad aggirare l'interruzione sulla Palermo-Catania. I lavori sono stati finanziati con la quota dell'indennità restituita mensilmente dai consiglieri regionali.

 

A19 PALERMO-CATANIA: PRONTA LA SCORCIATOIA DEI CINQUESTELLE –

A19 Palermo-Catania. Il gruppo del Movimento 5 Stelle all’Assemblea Siciliana ha annunciato che la scorciatoia di Caltavuturo che servirà ad aggirare l’interruzione dell’A19 causata da un cedimento del viadotto “Himera” sarà inaugurata venerdì prossimo. Lo hanno annunciato i deputati regionali, che hanno finanziato l’opera con la quota dell’indennità restituita mensilmente. Dal mese di Aprile, quando alcuni piloni del viadotto “Himera” hanno ceduto interrompendo l’autostrada Palermo-Catania, gli automobilisti sono costretti a deviare per 38 chilometri su dissestate strade di montagna. Da venerdì, la strada realizzata in 37 giorni sarà fruibile.
La cerimonia di inaugurazione è fissata alle ore 11.30. Saranno presenti i deputati all’Ars e altri deputati cinquestelle a Palazzo Madama e a Montecitorio, tra cui il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio. Invitati per l’occasione anche i sindaci di Caltavuturo e di Scillato. Secondo i deputati pentastellati: “I rappresentanti delle istituzioni regionali possono anche rimanere al fresco, come hanno fatto finora. Non crediamo, visto come si sono sbracciati per questa vicenda, che là sarebbero i benvenuti”.
Nella nota del Movimento 5 stelle si legge: “Detto, fatto. A un mese dall’avvio dei lavori, la scorciatoia di Caltavuturo che servirà a bypassare l’interruzione della A19, è una realtà. Venerdì prossimo, l’arteria, finanziata con i soldi che mensilmente restituiscono i deputati del Movimento 5 stelle, sarà inaugurata, facendo tirare un grandissimo, enorme sospiro di sollievo alle decine di migliaia di automobilisti che con enorme fatica sono costretti a inerpicarsi sulle montagne di Scillato per passare dalla Sicilia orientale a quelle occidentale e viceversa”. Poi i pentastellati continuano evidenziando: “A dispetto delle nere e interessate previsioni dei tanti politicanti di mestiere e dell’esercito di gufi a loro vicini, che avevano pronosticato nessun futuro al progetto, la scorciatoia apre, quindi alla circolazione veicolare, e lo fa con tempi da guinness dei primati: 50 giorni dall’annuncio, 37 dall’avvio della prima ruspa”.
La strada finanziata dal Movimento è l’adeguamento di una regia trazzera, riadattata da due imprese del luogo nei giorni immediatamente successivi al crollo del ponte. Il tratto è lungo circa un chilometro e largo cinque metri e mette in comunicazione la Ss 643 con la Sp 24, che a loro volta immettono agli svincoli di Scillato e Tremonzelli. Inoltre i grillini rendono noto che la scorciatoia, ha avuto un costo di 300 mila euro, ed è stata realizzata in calcestruzzo, con canali di gronda e guardrail e un impianto semaforico (il primo nella storia di Caltavuturo) posto a ridosso della trazzera, dove la circolazione avverrà a senso unico alternato. Sempre nella nota si evince che: “Gli operai non si sono certo risparmiati, come è giusto che sia quando ci si deve sbracciare per mettere fine nel più breve tempo possibile a un’enorme disagio che solo chi è comodamente seduto su morbide poltrone, al fresco di potenti condizionatori, può non capire. In questi giorni abbiamo ricevuto il plauso di una miriade di cittadini sfiancati fisicamente, ma anche economicamente da questo dramma. Perché di un dramma si tratta”.
I deputati grillini dicono che: “ci saranno delle limitazioni, come il limite di velocità a 20 chilometri orari e l’inibizione alla circolazione ai mezzi pesanti, superiori alla tre tonnellate e mezzo. Da qui a dire che potranno circolare solo trattori e mezzi agricoli, come ha voluto far credere qualcuno, ce ne corre. Questa strada è nettamente più agevole, e meno pericolosa di quella per Polizzi, che attualmente percorre chi si sposta da Palermo verso Catania e viceversa. Non è certo la soluzione definitiva al problema dell’autostrada, questo ci teniamo a sottolinearlo, ma sarà certamente una valvola di sfogo, considerato che consentirà agli automobilisti di risparmiare chilometri e tempi di percorrenza (si prevedono almeno 40-50 minuti in meno rispetto al giro di Polizzi). La soluzione definitiva è ancora colpevolmente chiusa nei cassetti delle belle intenzioni di chi ci governa, che ha ignorato anche un altro progetto del Movimento 5 Stelle, che sarebbe costato molto meno e sarebbe potuto andare in porto in pochissimo tempo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook