REGIONE SICILIANA: PD SICILIA PAVENTA LA CRISI, CROCETTA E LA LEGGE DEL BOSTIK

REGIONE SICILIANA: PD SICILIA PAVENTA LA CRISI, CROCETTA E LA LEGGE DEL BOSTIK

I deputati all’Ars del Movimento 5 stelle all'Ars commentano la crisi del governo regionale alla luce della riunione della direzione del Partito Democratico: "Crocetta pronto ad andarsene se glielo chiede il partito, ma come al solito prevarrà l'attaccamento alla poltrona dei deputati della maggioranza".

 

 

REGIONE SICILIANA: PD SICILIA PAVENTA LA CRISI, CROCETTA E LA LEGGE DEL BOSTIK –

Regione Siciliana. I deputati del Movimento 5 stelle all’Ars commentano i lavori svolti dalla direzione del Partito democratico che a parole ha sfiduciato il governo Crocetta, ma che nei fatti, così dicono gli stessi, lo tiene “attaccato ai respiratori artificiali a dispetto di tutti e di tutto, per mantenere in vita le poltrone dei deputati all’Ars e i posti di sottogoverno”. Parole come sempre durissime e piene di critiche nei confronti della maggioranza all’Ars quelle dei grillini: “Crocetta pronto ad andarsene? Non cambia assolutamente nulla, nel Pd prevarrà la solita legge del Bostik: tutti insieme, appassionatamente, incollati alla poltrona. Ovviamente, si dirà, solo per grande, grandissimo senso di responsabilità”. I deputati pentastellati rincarano: “Il Pd e anche grande parte della maggioranza e della finta opposizione non vogliono andare alle elezioni, sanno che perderebbero. Ad aggravare il terrore dei parlamentari dell’Ars c’è anche il fatto che il prossimo Parlamento sarà più stretto, con soli 70 posti a disposizione. Chi è disposto veramente a rinunciare ad una sicura e pesante busta paga a fronte di un salto nel vuoto? Vogliono veramente il bene della Sicilia? Per una sola volta, da quando governano, facciano parlare i fatti: chiedano a Crocetta di dimettersi, e di farlo subito. Ogni giorno che passa è un passo in più verso lo sfacelo”. Intervengono ancora i deputati Cinquestelle: “Dopo che Crocetta ha dato la sua disponibilità a farsi da parte se il partito glielo chiederà il Pd è di fronte ad un bivio: fare gli interessi della Sicilia o quelli di bottega. Noi siamo convinti che prevarranno i secondi. Ma il partito democratico si dovrà assumere la responsabilità di questo scempio di fronte ai siciliani”.

Mentre la polemica si inasprisce, a Catania cresce l’attesa per la parata Gay di questo pomeriggio. L’onda Pride arriverà alle 17. Il concentramento è previsto a piazza Cavour. “Il Pride è un urlo di liberazione generale dicono. Omo-transfobia, razzismo e xenofobia sono aspetti di uno stesso potere dominante. Barriere culturali e frontiere sono ostacoli da abbattere al fine del raggiungimento della stessa libertà, della stessa uguaglianza”. Insomma oggi si celebrà libertà e uguaglianza. Una piccola rivoluzione. E non mancherà il colore e la fantasia dei protagonisti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook