REGIONE SICILIANA: ENTE NEL CAOS, SI DIMETTE ANCHE LA BORSELLINO

REGIONE SICILIANA: ENTE NEL CAOS, SI DIMETTE ANCHE LA BORSELLINO

La Borsellino, assessore per la Sanità della Regione Siciliana ha formalizzato la sua decisione con una lettera a Crocetta nella quale specifica: "Hanno aggredito la mia credibilità". Poi: "Una riflessione tanto meditata e di non facile maturazione". Le dimissioni sono arrivate dopo quelle di Caleca e Leotta.

 

REGIONE SICILIANA: ENTE NEL CAOS, SI DIMETTE ANCHE LA BORSELLINO –

Regione Siciliana. Lucia Borsellino si è dimessa da assessore alla Sanità. Ha comunicato la sua decisione con una lettera al Presidente Rosario Crocetta. Nei giorni scorsi la Borsellino aveva anticipato le sue intenzioni durante una intervista, nella quale sottolineava di non vedere più le ragioni per le quali continuare a lavorare. E’ il terzo assessore che lascia la giunta regionale a distanza di brevissimo tempo: avevano declinato l’impegno già Nino Caleca ed Ettore Leotta. La Borsellino in uno dei passaggi della lettera inviata da poco al Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta: “Vari sono stati gli accadimenti che hanno aggredito la credibilità dell’istituzione sanitaria che sono stata chiamata a rappresentare e, quindi, della mia persona”. Infine: “Prevalenti ragioni di ordine etico e morale e quindi personale, sempre più inconciliabili con la prosecuzione del mio mandato, mi spingono a questa decisione anche in considerazione del mio percorso professionale di oltre vent’anni in seno all’amministrazione regionale della Salute”, scrive ancora l’assessore Lucia Borsellino nella lettera inviata al presidente della Regione, Rosario Crocetta. “Questa mia determinazione, della quale mi assumo ogni e piena responsabilità, interviene a seguito di riflessione tanto meditata e di non facile maturazione, quanti sono stati lo spirito di servizio e l’abnegazione con i quali ho accolto e, credo, condotto il prestigioso incarico da lei conferitomi”. Lucia Borsellino, figlia del giudice Paolo Borsellino, ucciso nella strage mafiosa di via D’Amelio il 19 luglio 1992 scrive ancora: “Il senso di questo impegno, per il valore morale e civico che porta in sè, continua a pervadermi ma non mi consente, da questo momento, di proseguire ad onorarlo quale componente del governo regionale. “Lascio un sistema con innegabili segni di ripresa oggettivamente documentati, perseguiti nell’ambito di un programma triennale di sviluppo e di consolidamento pattuito con i ministeri della Salute e dell’Economia; programma, in corso di attuazione, che deve essere responsabilmente rinnovato alla scadenza di questo triennio 2013-2015”. In merito all’arresto di Matteo Tutino, primario di Chirugia plastica dell’ospedale Villa Sofia di Palermo, medico personale di Crocetta, accusato di truffa aggravata, dice: “Non posso non manifestare il rammarico conseguente alla lesione che fatti come questo determinano inevitabilmente all’immagine dell’istituzione sanitaria e dell’intera Regione siciliana, adombrando il lavoro di tanti operatori e professionisti che profondono quotidianamente il proprio impegno con onestà e correttezza nell’esclusivo interesse pubblico. Fatti come questi determinano altresì, in un settore come quello della sanità contrassegnato da vicende che in un recentissimo passato ci hanno consegnato l’immagine di un sistema di malaffare, un grave danno sulla capacità attrattiva del servizio sanitario regionale e, come accaduto nello specifico, di una delle più importanti aziende ospedaliere dell’Isola”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook