CATANIA: IL GIORNO DELL’ORGOGLIO ROSSOAZZURRO

CATANIA: IL GIORNO DELL’ORGOGLIO ROSSOAZZURRO

Tifosi e sostenitori del Catania hanno sfilato in corteo per le vie della città per manifestare fedeltà alla maglia rossoazzurra e dissociarsi da tutto quello che sta accadendo all’interno della dirigenza della società sportiva.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA: IL GIORNO DELL’ORGOGLIO ROSSOAZZURRO –

Catania. La protesta è stata denominata “corteo dell’orgoglio rossazzurro”, che ha unito i fans della squadra etnea a percorrere per protesta da piazza Roma fino a piazza Università, formando una processione che ha all’insegna della legalità migliaia di persone che si sono presentate con maglie, pantaloncini, sciarpe storiche del Catania e i tanti striscioni. il rosso e l’azzurro I due, colori predominati che hanno invaso la via Etnea. La protesta ha manifestato la delusione di tutti cittadini catanesi. A far parte del corteo non solo gli ultras delle curve Nord e Sud che (organizzatori della protesta), ma anche i tanti tifosi. Intere famiglie, tutti compatti per manifestare l’orgoglio di una tifoseria, corteo_rossoazzurro_3tradita e che urlava tutto il dissenso. Poco più di tremila persone hanno sfilato lungo le strade del capoluogo etneo. Importanti i numeri della protesta che ha portato in piazza una buona porzione di citta dini tifosi e non che gridavano e sventolando le bandiere, le stesse che avevano portato per la festa della promozione nel 2006, ma che oggi hanno quasi un colore diverso perché mostrate per ribellarsi a un sistema illegale e che svilisce lo sport puro. Slogan e striscioni per manifestare la legalità l’esaltazione del calcio puro e trasparente come ad esempio: “Noi siamo il calcio Catania”, “tutti insieme canteremo per la maglia e la città”, “per l’onore di Catania siamo qua”. La manifestazione è durata circa due ore, giusto il tempo impiegato dai tifosi per la loro corteo_rossoazzurro_2protesta pacifica, dove non sono mancati i cori contro la società e i dirigenti e neanche i fumogeni. Due ore durante le quali carabinieri e polizia che pur presenti in assetto antisommossa non sono mai intervenuti. I tifosi rossoazzurri hanno tirato fuori tutto il loro smarrimento e confusione che la vicenda “Treni del gol” ha provocato. Tra i tanti striscioni esposti spiccava quello con la scritta “Pulvirenti vattene” sintetizza alla perfezione quali sono i sentimenti di tutti i tifosi che hanno percorso la parte bassa di via Etnea per arrivare a piazza Università, nel centro dalla città, fino a piazza Duomo che con il suo inconfondibile elefante in questi giorni è stata inquadrata da tutti i telegiornali nazionali. I manifestanti che nella vicenda sono e si sentono parte lesa hanno ribadito con forza ancora una volta: “Questo calcio non ci appartiene”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook