Archiviato in | Cronaca Regionale

PALERMO: BENZINAIO UCCISO, CROLLA L’IPOTESI DELLA RAPINA

PALERMO: BENZINAIO UCCISO, CROLLA L’IPOTESI DELLA RAPINA

Perde consistenza l'ipotesi iniziale che l’omicidio fosse stato conseguenza di una rapina. Mentre continua la caccia ai due uomini che hanno ucciso Nicola Lombardo. Pare che un testimone sia stato trattenuto in questura fino a notte fonda.

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: BENZINAIO UCCISO, CROLLA L’IPOTESI DELLA RAPINA –

Palermo. Si fa più intensa la caccia ai due uomini che ieri hanno ucciso a colpi di pistola il benzinaio Nicola Lombardo, 44 anni. Intanto, con il passare delle ore scema l’ipotesi che subito sembrava una rapina. Così per gli investigatori della squadra mobile l’ipotesi iniziale perde consistenza. L’omicidio è avvenuto al distributore Esso in piazza Lolli, dove Lombardo, sposato con due figli di 4 e 10 anni aveva preso servizio da poco. Inquirenti e investigatori prendono in considerazione nei mini particolari la vita del benzinaio, morto in ospedale a 7 ore dal ferimento e dopo un delicato intervento chirurgico. Gli investigatori sarebbero risaliti alla targa della Fiat Punto utilizzata per l’agguato. Sarebbe stata ripresa dalle telecamere di alcuni negozi lungo via Dante. In queste ore si sta cercando di dare un nome all’uomo di 60 anni, con il pizzetto, che con la pistola 7,65 ha fato fuoco. Sull’auto era presente un’altra persona. Gli agenti della scientifica hanno recuperato le immagini del sistema di videosorveglianza del distributore e quelle di altri negozi della zona. Intanto, Salvatore Nangano, risulta proprietario del distributore, il fratello Franco è stato ucciso il 16 febbraio 2013 in via Messina Marine sempre nel capoluogo siciliano. Lo scorso anno nel mese di marzo proprio a piazza Lolli, a pochi passi dall’impianto di Nangano, vennero fermati Fabio Pispicia, fratello di Salvatore, uomo importante del mandamento Porta Nuova, e Sergio Giacalone. Secondo l’accusa avevano una 7.65 e una calibro 38 special con il colpo in canna ed erano appena scesi da un’auto e avevano dei passamontagna. La calibro 38 secondo le indagini della scientifica avrebbe ucciso il 12 marzo 2014 Giuseppe Di Giacomo, boss di Porta Nuova. La polizia stradale e i carabinieri di Carini sono a lavoro per ricostruire la dinamica dell’omicidio. Intanto un testimone è stato condotto in questura e sentito fino a tarda sera.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook