Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MIGRANTI AGGREDITI IN MARE, UN MORTO E UN FERITO

MIGRANTI AGGREDITI IN MARE, UN MORTO E UN FERITO

Un gommone carico di profughi che si stava dirigendo verso l'Italia è stato abbordato e colpito dai proiettili sparati da uomini di una motovedetta libica. La guardia costiera nega. Il gambiano raggiunto da un proiettile ripete che gli uomini sul natante libico: “volevano derubarci, c'è un cadavere". Ma il corpo dell'extracomunitario non si trova. La Procura di Agrigento ha già aperto un’inchiesta per tentativo di omicidio.

 

MIGRANTI AGGREDITI IN MARE, UN MORTO E UN FERITO –

Migranti aggrediti da uomini armati su imbarcazione libica. “Dei miliziani libici hanno abbordato con una motovedetta il nostro gommone per derubarci, quando ci siamo ribellati hanno sparato: io sono rimasto ferito e un altro migrante è morto”. Questo è il racconto del sopravvissuto reso alla polizia di Agrigento, ma il corpo della vittima non si trova. Secondo il racconto dei migranti a sparare contro il gommone carico di migranti, uccidendone uno e ferendone un altro, sarebbe stato il personale di una motovedetta libica. Le due vittime erano a bordo di un natante con 120-130 persone che si stava dirigendo verso l’Italia. Il ferito è stato trasferito in elicottero a Lampedusa.
Il cadavere non si trova. Non è infatti a bordo dei mezzi navali arrivati sul posto a prestare soccorso ma non si esclude possa essere caduto in acqua. Per il momento però la procura di Agrigento ha aperto un fascicolo ipotizzando soltanto il reato di tentativo di omicidio perché manca il riscontro obiettivo sull’omicidio. Una vicenda che potrà essere risolta dagli interrogatori degli altri migranti che erano a bordo del gommone e che dovrebbero arrivare domani nel porto di Pozzallo, nel Ragusano. La persona ferita è un trentaduenne del Gambia, colpito da un proiettile al polpaccio sinistro e giunto ieri pomeriggio in elicottero al poliambulatorio di Lampedusa (Ag). Secondo il racconto, il gommone sarebbe stato avvicinato da un’imbarcazione con miliziani libici a bordo che avrebbero chiesto denaro ai migranti. Al loro diniego, alcuni componenti dell’equipaggio avrebbero esploso alcuni colpi d’arma da fuoco che hanno ucciso uno dei migranti e ferito il trentaduenne.
Il ferito è già stato interrogato dalla polizia e avrebbe raccontato che lui e i suoi compagni di viaggio, circa 150 persone, erano in viaggio verso l’Italia dopo essere salpati da un porto libico. I miliziani li avrebbero raggiunti dopo poche miglia di viaggio. Dopo gli spari l’imbarcazione è stata raggiunta e soccorsa da una nave della Marina militare che ha raccolto il ferito e lo ha fatto trasportare in volo da un elicottero. L’uomo è stato ricoverato con una ferita al polpaccio nell’ospedale S.Giovanni di Dio di Agrigento, non è grave.
Un responsabile dalla Guardia costiera libica ha però negato che suoi uomini o anche militari della Marina abbiano sparato a un gommone di clandestini. “La Guardia costiera libica non spara mai contro imbarcazioni di migranti e anche la Marina libica non ha sparato”. Il colonnello Reda Issa, comandante delle motovedette del “Settore centrale” libico, per telefono ha commentato il racconto dei migranti a proposito della sparatoria avvenuta al largo della Libia. Gli accertamenti sono al vaglio della procura di Agrigento che ha ascoltato alcuni testimoni. Il fascicolo aperto resta però al momento contro ignoti. Le indagini sono eseguite dalla squadra mobile di Agrigento e coordinate dal procuratore di Agrigento Renato Di Natale e dall’aggiunto Ignazio Fonzo. Il procuratore Di Natale ha confermato che i reati ipotizzati sono tentativo di omicidio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook