BALLOTTAGGI SICILIA: I RISULTATI DELLE SFIDE TRA I CANDIDATI A SINDACO

BALLOTTAGGI SICILIA: I RISULTATI DELLE SFIDE TRA I CANDIDATI A SINDACO

I Pentastellati festeggiano a Gela per il successo di Domenico Messinese. Vittoria dei cinquestelle anche ad Augusta con Cettina Di Pietro. A Marsala successo di Di Girolamo. Centrosinistra vincente anche a Carini. Il centrodestra conquista Barcellona Pozzo di Gotto e Licata. In calo l'affluenza: 49,9%, 16 punti in meno rispetto al primo turno. In provincia di Catania a Bronte vince il centrosinistra. A San Giovanni La Punta è continuità con la sindacatura Messina. A Tremestieri Rando la spunta per soli 105 voti. Secondo i dati che provengono dalle sedi dove si è votato, il responsabile organizzativo del Pd siciliano, Antonio Rubino, commenta i dati dei ballottaggi in Sicilia dove si da per certa la vittoria del Pd a Carini, Milazzo, Marsala, Bronte e Ispica.

 

BALLOTTAGGI SICILIA: I RISULTATI DELLE SFIDE TRA I CANDIDATI A SINDACO –

Sono scadute le due settimane dal primo turno. I tredici comuni siciliani alle urne per la scelta del proprio sindaco. Questi gli ultimi dati:

Il presidente della regione Siciliana, Rosario Crocetta, commentando i primi dati dei ballottaggi all’ANSA ha rilasciato una dichiarazione a caldo: “Non ho ancora i dati definitivi delle città al ballottaggio, ma una cosa è certa: la democrazia si rispetta, a prescindere dal colore politico del sindaco. Io collaborerò con tutti per il bene della Sicilia e delle città. Rispetterò i risultati elettorali”. Quindi il M5s va verso una netta vittoria a Gela, roccaforte di Crocetta, con Domenico Messinese e Cettina Di Pietro ad Augusta.
In provincia di Agrigento sono due i comuni. A Licata vince il centrodestra con Angelo Cambiano, che ottiene il 54,96% delle preferenze. Staccato il candidato di centrosinistra e Ncd Giuseppe Galanti che si ferma al 45,04%. A Ribera ha vinto il ballottaggio per la carica a sindaco, Carmelo Pace, sindaco uscente, con poco meno del 52%. Lo sfidante Nené Mangiacavallo ha ottenuto il 48,29% che è stato appoggiato da 3 liste civiche. la contesa si è disputata tra due ex sindaci. L’uscente Carmelo Pace (Ncd, Sd e due liste civiche) ha registrato al primo turno il 42,25% dei voti. Dall’altra parte, Nenè Mangiacavallo che fu primo cittadino del comune di Crispino tra il 1992 e il 1993: a sostenerlo tre liste civiche alla prima tornata ha ottenuto il 30,85% .
In provincia di Caltanissetta riflettori sul comune di Gela città del governatore Rosario Crocetta: Domenico Messinese del M5S registra il 60% dei consensi, superando Angelo Fasulo, sindaco uscente dei democratici e sostenuto dal presidente della Regione, che per ora è fermo al 40%. Il candidato di centro sinistra e sindaco uscente Angelo Fasulo alla prima tornata non è andato oltre il 23,7%. 15 giorni fa, meglio di lui si è piazzato Domenico Messinese del M5S che con il 24,2% di consensi è stato il più votato.
In provincia di Catania: a Bronte feudo elettorale dell’ex senatore Ncd Pino Firarrello, il nuovo sindaco è Graziano Calanna supportato dal centrosinistra. A San Giovanni La Punta Nino Bellia sostenuto da Pd Udc e sette liste civiche, Festeggia la vittoria; a Tremestieri Etneo. Santi Rando vince per una manciata di voti con il 50,74%. Soccombe Sebastiano Di Stefano che si ferma al 49,26%.

A Enna, unico capoluogo dove si vota in Sicilia , l’ex senatore Vladimiro Crisafulli (Pd) a sorpresa perde le elezioni, vince Maurizio Dipietro con il 51,89%. Mirello Crisafulli si ferma al 48,11%. Mirello Crisafulli nella sua roccaforte, ha mancato per poco l’elezione al primo turno, fermandosi al 40,95% mentre le liste che lo sostengono hanno superato abbondantemente il 50%, mentre lo sfidante Di Pietro, sostenuto dal centrodestra, quindici giorni fa ha conquistato il 24,36% dei consensi.
In provincia di Messina: a Barcellona Pozzo di Gotto vince Roberto Materia centrodestra con il 56,72% dei voti. La candidata del centrosinistra, Maria Teresa Collica, si attesta al 43,28%. Al primo turno Materia aveva totalizzato il 34,99% mentre Maria Teresa Collica si era fermata al 28,22%, entrambi sostenuti da liste civiche, il primo di centrodestra, la seconda di centrosinistra. A Milazzo vince Giovanni Formica (Pd) con il 62,17%. Carmelo Pino si ferma al 37,83%. Giovanni Formica e Carmelo Pino, il primo, candidato di Pdr e tre liste civiche, è stato il più votato al primo turno con il 40,99%. Pino, sostenuto da tre liste civiche, 15 giorni fa aveva ottenuto il 23,84%.
In provincia di Palermo: Giovì Monteleone è il nuovo sindaco di Carini con il 60% contro il 40% dello sfidante Gianfranco Lo Piccolo. A Carini hanno votato 10.356 (18.253 al primo turno) elettori su 33.751 aventi diritto. Giovì Monteleone al primo turno aveva totalizzato il 47% appoggiato da Pd, Ap e quattro liste civiche, mentre Gianfranco Lo Piccolo si era fermato al 18% sostenuto da Pdr e una lista civica.
In provincia di Ragusa il nuovo sindaco di Ispica è Lucio Muraglie sostenuto da Pd e due liste civiche. Vince con il 57,68% delle preferenze. Paolo Monaco, sostenuto da cinque liste civiche, si ferma al 42,32%. Il nuovo vincitore delle elezioni, Lucio Muraglie, è candidato del Pd e di due liste civiche, al primo turno aveva totalizzato il 29,73%, mentre Paolo Monaco sostenuto da cinque liste civiche si era fermato al 20,71%.
In provincia di Siracusa ad Augusta, festeggiano i Cinquestelle, dove vince Cettina Di Pietro. La Di Pietro del M5S, al primo turno aveva ottenuto il 30,93% di consensi ed è stata la candidato più votata alla prima tornata. Domenico Paci, soccombe era appoggiato da cinque liste civiche e ha raccolto il 24,98%.
In provincia di Trapani riflettori puntati a Marsala: Alberto Di Girolamo candidato di centrosinistra è vince con il 68,06% dei consensi a scapito del candidato centrista Massimo Grillo che si ferma al 31,94%. . Al primo turno Di Girolamo aveva accarezzato la vittoria con il 49,67%. Mentre il candidato Grillo, si era fermato al 35,02% delle preferenze.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook