Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: RISCOSSIONE SICILIA IPOTECA CASA DI CUFFARO

PALERMO: RISCOSSIONE SICILIA IPOTECA CASA DI CUFFARO

L'agenzia delle tasse riscossione Sicilia ha notificato alla famiglia dell'ex Presidente Cuffaro una comunicazione preventiva di accensione di un'ipoteca su un immobile. Il debito fiscale contestato ammonta a quasi 181mila euro.

 

PALERMO: RISCOSSIONE SICILIA IPOTECA CASA DI CUFFARO –

Palermo. Riscossione Sicilia, l’agenzia della Regione per statuto ‘incaricata di gestire la riscossione dei tributi e delle altre entrate’ nell’isola ha notificato una comunicazione preventiva di accensione di un’ipoteca su un immobile dell’ex presidente Salvatore Cuffaro. Il debito fiscale notificato all’ex politico ammonta a quasi 181mila euro. il quotidiano La Sicilia ha scritto che l’atto è stato notificato lo scorso 29 maggio. Se il debitore non dovesse pagare o attivare la rateizzazione prevista dalla legge, la casa di Cuffaro a Palermo potrebbe essere oggetto di pignoramento. L’iniziativa, lanciata dal presidente Antonio Fiumefreddo, mira a fare luce anche sui ‘debiti’ di deputati dell’Assemblea regionale Sicilia. Nella ‘black list’ dell’agenzia ci sono otto attuali deputati. Intanto, la società ha inviato alla segreteria dell’Ars un “atto di pignoramento di crediti verso terzi”, chiedendo, in caso di ulteriore morosità dei debitori, di trattenere una percentuale dell’ assegno mensile alle seguente condizioni: 1/10 per assegni mensili fino a 2.500 euro; 1/7 fra 2.500 e 5.000; 1/5 oltre i 5mila euro. Il maggiormente indebitato è Raffaele “Pippo” Nicotra (91mila euro). Poi ci sono Paolo Ruggirello (34mila), Michele Cimino (25mila euro) a Marco Forzese (2.528,92), Giuseppe Gennuso (16mila), Dino Fiorenza (10mila) e Gino Ioppolo (4mila).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook