Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA CAPITALE: OPERAZIONE ESTESA ANCHE A CATANIA

MAFIA CAPITALE: OPERAZIONE ESTESA ANCHE A CATANIA

Nel mirino degli inquirenti il business dei migranti. Secondo la procura etnea: "Indagini sugli appalti per verificare favoritismi alla cooperativa Sisifo". Mentre a Roma sono stati effettuati quarantaquattro arresti e decine di perquisizioni estesi in Sicilia, negli uffici che si occupano della gestione del C.A.R.A. di Mineo (CT) e alla Provincia Regionale di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

MAFIA CAPITALE: OPERAZIONE ESTESA ANCHE A CATANIA –

Catania. Si apre una seconda ‘tranche’ dell’inchiesta Mafia capitale. Su mandato della Procura di Roma i carabinieri del Ros sono a lavoro per eseguire 44 arresti in Sicilia, Lazio e Abruzzo, l’accusa è associazione per delinquere e vari reati. Risultano 21 gli indagati a piede libero. L’inchiesta è legata agli affari collegati ai flussi migratori e alla gestione dei campi di accoglienza per migranti. Sono in corso nel Catanese perquisizioni in alcuni uffici, tra cui quelli del Consorzio “Sol Calatino – Società Cooperativa Sociale”, inserito nell’Ati e si occupa delle gestione dei servizi all’interno del C.A.R.A. di Mineo (CT). Indagini anche alla Provincia regionale di Catania, in merito alle attività condotte nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti per l’affidamento dei servizi al Cara di Mineo. Dalla procura etnea emerge che: “l’attività di indagine è finalizzata a verificare se gli appalti per la gestione del Cara siano stati strutturati dal soggetto attuatore al fine di favorire l’Ati condotta dalla cooperativa catanese Sisifo, così come emerso anche nelle indagini della Procura di Roma, con la quale è costante il coordinamento delle indagini”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook