Archiviato in | Musica, Spettacolo

VENUTI, ANALFINO, KABALLA’ E INCUDINE SUL PALCO DELLE ZAGARE

VENUTI, ANALFINO, KABALLA’ E INCUDINE SUL PALCO DELLE ZAGARE

Grande festa quella di “InCanti Acustici” a "Le Zagare" di San Giovanni La Punta. Protagonisti sul palco Mario Venuti, Lello Analfino, Kaballà e Mario Incudine. Un inno alla Sicilia e alla sicilianità attraverso la voce di quattro artisti, tra i più rappresentativi del panorama musicale siciliano.

 

VENUTI, ANALFINO, KABALLA’ E INCUDINE SUL PALCO DELLE ZAGARE –

È stata una grande festa quella di “InCanti Acustici” a “Le Zagare” di San Giovanni La Punta. Protagonisti sul palco Mario Venuti, Lello Analfino, Kaballà e Mario Incudine. Un inno alla Sicilia e alla sicilianità attraverso la voce di quattro artisti, tra i più rappresentativi del panorama musicale siciliano. Le loro voci insieme per raccontare una Sicilia viva e colorata, piena di passione e di speranza, ricca di sfumature e di energia. Un pubblico caloroso, nonostante le temperature basse di questi giorni, ha voluto applaudire il talento e l’orgoglio “made in Sicily”. Tra i tanti brani della tradizione siciliana e non solo, Lello Analfino dei Tinturia ha anche presentato “Cocciu d’amuri”, colonna sonora del film “Andiamo a quel paese” di Ficarra e Picone. Proprio in questi giorni è arrivata l’inaspettata notizia che “Cocciu d’amuri” è candidato come “Canzone originale” ai “Nastri d’argento 2015”. “Una piacevole sorpresa – spiega Analfino – prendo una nomination insieme a dei mostri sacri come De Gregori e Gualazzi. Una cosa importante per un artista come me che sono stato sempre nell’underground. Logicamente devo ringraziare Salvo e Valentino che mi fanno fare queste esperienze. La nostra grande amicizia è nata vent’anni fa a Roma e continua nel tempo”. Analfino è stato anche attore nel film. “Lui è attore anche nella vita reale – spiega Pippo Kaballà – nasce così. Sapere tenere un palcoscenico è un prestigio. Lello è prettamente pirandelliano. Uno nessuno e centomila”. A legare i quattro protagonisti un forte rapporto di amicizia. “In Sicilia c’è una cosa che si chiama rispetto – spiega Analfino – io e Incudine abbiamo qui due maestri sacri come Venuti e Kaballa. Oggi è riduttivo parlare di artisti siciliani, ma di artisti che fanno parlare bene della Sicilia”. “Adesso il mondo è globalizzato – spiega Kaballà – io son scappato dalla Sicilia, ma erano altri tempo. Ho faticato perché non c’era la consapevolezza della grande storia che abbiamo qui. Me ne sono andato per pavidità o per cercare altro. Oggi potrei stare perfettamente qui. I tempi sono cambiati. C’è rispetto, tanta amicizia. Insieme si può crescere e migliorare”. La musica è anche un mezzo per veicolare il concetto di legalità. Analfino, insieme a Ismaele La Vardera e Marco Ligabue ha realizzato “Il silenzio è dolo” portandolo in giro in tutte le università d’Italia. “Dobbiamo essere orgogliosi della nostra Terra – spiega Incudine – per le proprie bellezze e per tutto quello che ha. Non per quello che dicono gli altri”.A conclusione della serata, Mario Venuti ha “regalato” al pubblico presente anche una versione “sussurrata” e molto intima di “Fortuna” e “Mai come ieri”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook