Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

POZZALLO (RG): 3 SCAFISTI ARRESTATI

POZZALLO (RG): 3 SCAFISTI ARRESTATI

Individuati i responsabili degli sbarchi a Pozzallo e Catania che hanno portato in sicilia oltre un migliaio di migranti. Gli arresti sono stati effettuati dagli agenti di Ragusa e Catania. La squadra mobile iblea ha stimato il volume degli affari circa 2 mln di dollari

Print Friendly, PDF & Email

 

POZZALLO (RG): 3 SCAFISTI ARRESTATI –

Pozzallo. Arrestati dalla squadra mobile di Ragusa due presunti scafisti dello sbarco avvenuto ieri a Pozzallo. Sono due tunisini di 31 e 26 anni, Adil Ajroud e Hamza Benmbarek, accusati di avere portato in Italia circa 500 persone ciascuno, per un totale di 1.019 migranti, giunti a bordo della nave Spica che li ha soccorsi. I fermati avrebbero pilotato due barche in legno stracariche di migranti provenienti per il 90% dall’Eritrea. Il carico di vite umane è partito dalla Libia portando con se centinaia di bambini, compresi 40 neonati. Un affare stimato dalla

Scafisti arrestati a Pozzallo

Scafisti arrestati a Pozzallo

polizia di circa 2 milioni di dollari. La cifra è stata incassata dai trafficanti di vite umane che hanno organizzato la traversata. I tunisini sarebbero stati ingaggiati da due diverse organizzazioni che operano con lo stesso metodo. I due fermati sostengono di essere dei migranti e hanno negato qualsiasi responsabilità. Anche gli agenti della squadra mobile di Catania hanno fermato un altro tunisino, il 26enne Mahmuud Mishri, ritenuto lo scafista dell’imbarcazione in legno lunga 12 metri con a bordo 285 migranti. L’uomo, su disposizione della Procura distrettuale, è stato condotto in carcere. L’imbarcazione con a bordo i migranti era stata soccorsa in acque

Scafista arrestato a Catania

Scafista arrestato a Catania

internazionali dalla nave mercantile panamense “Gaz Venture”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook