Archiviato in | Musica, Spettacolo

MANUEL FORESTA PRESENTA IL SUO NUOVO SINGOLO INTERVISTA

MANUEL FORESTA PRESENTA IL SUO NUOVO SINGOLO INTERVISTA

Manuel Foresta, salernitano classe ’88, ha scelto Catania per presentare il suo nuovo singolo “Li chiameremo sogni”. “Quest’album nasce da un percorso in salita – spiega - mai avrei pensato di arrivare concretamente all’appuntamento con il disco.

Print Friendly, PDF & Email

 

MANUEL FORESTA PRESENTA IL SUO NUOVO SINGOLO – INTERVISTA –

Nel 2012 è approdato a “The Voice of Italy” nella squadra di Raffaella Carrà. Oggi è pronto ad uscire con il suo primo lavoro discografico “Colori Primari”. Manuel Foresta, salernitano classe ’88, ha scelto Catania per presentare il suo nuovo singolo “Li chiameremo sogni”. “Quest’album nasce da un percorso in salita – spiega – mai avrei pensato di arrivare concretamente all’appuntamento con il disco. Questo è un sogno che è nato nel mio pensiero quando ero più piccolino. Avrei voluto raccogliere pezzi della mia vita e raccontarla agli altri. Averlo tra le mani è un traguardo importante e mi rendo conto che un po di strada è stata percorsa e tanta altra ne dovrò fare. Ogni brano al suo interno nasce da una esperienza. Quando si ha l’esigenza di raccontare una cosa ecco che nasce una canzone. Non c’è una formula magica, c’è un momento che va cavalcato. I brani sono nell’aria, vanno presi e trasferiti nella carta”.

All’intero anche due brani sociali. Come mai?

“Un’altra notte scura racconta un momento in cui la vita è ciclica. I momenti bui arrivano ma arrivano anche le belle giornate di sole. Come c’è una notte che ci fa paura, arrivano anche le belle giornate. Questa è la speranza che ti fa andare avanti. Nel continuare questa esperienza mi voglio ricordare di questo approccio. Il brano “Colpevole”, invece, racconta l’esigenza di un affetto importante e di ricordarsi di dargli sempre la stessa importanza. A volte siamo superficiali e li lasciamo sfuggire. Le canzoni devono essere dei promemoria per chi le scrive e per chi le ascolta”.

Facendo un passo indietro, sei stato protagonista anche a teatro. Ma dove ti senti più a casa? Musica o teatro?

“Credo che non ci sia una divisione netta tra le due cose, sul palcoscenico,quando si è genuini, ci si sente sempre uguali. Il palco è la verità, l’importante è il messaggio da lanciare. Se si pensa che il teatro sia in un compartimento diverso, si perde di vista la voglia di stare sul palco per raccontare le cose”.

Cosa ti ha lasciato The Voice?

“Citando una mia canzone, questa esperienza è arrivata in una notte scura. Volevo lasciare perdere tutto perché ero molto demoralizzato. Una scritta a neon con una freccia enorme mi ha indicato il percorso da prendere. Era la prima edizione, molto incosciente. Però mi sono catapultato in un mondo in cui Raffaella mi ha insegnato tanto. Soprattutto a portare rispetto al palco e a chi lo sta guardando”.

Tra i tanti appuntamenti live, c’è stata la partecipazione a “Buon Compleanno Mimì”. Che esperienza è stata?

“Una emozione importante. L’idea di ricordare Mia Martini non per la sua triste fine, ma per il suo compleanno è stato molto emozionante. Una gioia, una festa è la base di questo evento. Sia sul palco che nel backstage c’è tanta voglia di festeggiare una grande artista. Essere li per il ricordo di un artista cosi importante che fin da piccolo ho seguito è stato molto emozionante”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook