Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ROS SEQUESTRANO BENI DI MASSIMINO

CATANIA: ROS SEQUESTRANO BENI DI MASSIMINO

Sequestrate all’imprenditore Santo Massimino, arrestato nel 2010 nell'inchiesta “Iblis”, sei aziende del valore di 26 milioni di euro di proprietà dello stesso ritenuto vicino al clan Santapaola-Ercolano. Il provvedimento esegue una sentenza della Cassazione che, su ricorso della Procura distrettuale di Catania, ha annullato senza rinvio l'ordinanza del Tribunale del riesame che il 7 luglio del 2014 che aveva disposto il dissequestro dei beni.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: ROS SEQUESTRANO BENI DI MASSIMINO –

Catania. I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Catania hanno sequestrato all’imprenditore Santo Massimino, ritenuto vicino alla ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano sei aziende che comprendono edilizia ed energia rinnovabile, il cui valore è stimato in 26 milioni di euro. Il provvedimento esegue una sentenza della Cassazione che, su ricorso della Procura distrettuale di Catania, ha annullato senza rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame che il 7 luglio del 2014 che aveva disposto il dissequestro dei beni. Massimino è stato arrestato il 3 novembre 2010 nel corso dell’operazione “Iblis” e condannato in primo grado il 9 maggio del 2014 a 12 anni di reclusione. In particolare l’imprenditore è accusato di essere in “stretta connessione” con l’allora capo provinciale di Cosa nostra etnea, Enzo Aiello. Secondo l’accusa l’imprenditore contemporaneamente con altri affiliati mafiosi del clan “avrebbe partecipato alla distribuzione di lavori controllati direttamente o indirettamente

Nella foto dei Ros l'imprenditore Santo Massimino e Aiello

Nella foto dei Ros l’imprenditore Santo Massimino e Aiello

dall’organizzazione criminale a cui versava anche delle somme di denaro e permettendo a imprese mafiose o a disposizione della medesima associazione di partecipare alle attività economiche intraprese”. Secondo l’accusa, Massimino, avrebbe: “posto e mantenuto le sue imprese nel mercato in violazione delle regole della libera concorrenza e dall’altro apportando un concreto contributo causale ai fini della conservazione, del rafforzamento e, comunque, della realizzazione anche parziale del programma criminoso di Cosa nostra etnea”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook