Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MORTE NICOLE: DEPOSITATA LA PERIZIA, DISPOSTA DALLA PROCURA

MORTE NICOLE: DEPOSITATA LA PERIZIA, DISPOSTA DALLA PROCURA

Depositata la perizia medico-legale disposta dalla Procura: "La bimba aveva una grave sofferenza acuta fetale, la condotta professionale della ginecologa non può essere condivisa". Sempre i periti scrivono: "La stessa cosa deve intendersi per quanto attiene alla condotta del neonatologo Antonio Di Pasquale e dell'anestesista Giovanni Gibiino". La mamma affida il suo pensiero su social net: "Quello che abbiamo sempre supposto, adesso è scritto nero su bianco". La piccola è spirata mentre era in ambulanza diretta all’ospedale di Ragusa. La corsa di Nicole all'ospedale del capoluogo della provincia iblea è stata determinata dalla mancanza di posti letto nell'Unità di terapia intensiva neonatale negli ospedali del capoluogo etneo e Siracusa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MORTE NICOLE: DEPOSITATA LA PERIZIA, DISPOSTA DALLA PROCURA –

Catania. I periti medico-legali nominati dalla Procura depositano la loro relazione dopo l’autopsia e scrivono: “Arresto irreversibile delle funzioni vitali consecutivo a grave sofferenza acuta fetale”. La piccola Nicole è morta per questo. La neonata è deceduta il 12 febbraio scorso poche ore dopo la nascita avvenuta nella clinica Gibiino di Catania. La piccola è spirata mentre era in ambulanza diretta all’ospedale di Ragusa. La corsa di Nicole all’ospedale del capoluogo della provincia iblea è stata determinata dalla mancanza di posti letto nell’Unità di terapia intensiva neonatale nei nosocomi del capoluogo etneo e Siracusa. Inoltre, nelle conclusioni delle 92 pagine della perizia disposta dalla Procura di Catania, ed eseguita dal medico legale Giuseppe Ragazzi, dalla ginecologa Claudia Giuffrida e dalla neonatologa Eloisa Gitto, si rileva che: “la condotta professionale” della ginecologa Maria Ausilia Palermo “non può essere condivisa” perché non si sarebbe accorta della sofferenza di Nicole. Sempre i periti scrivono: “La stessa cosa deve intendersi per quanto attiene alla condotta del neonatologo Antonio Di Pasquale e dell’anestesista Giovanni Gibiino”.
Sulla tragica vicenda sono aperte due indagini amministrative: una del ministero della Salute e dalla Regione Sicilia i quali hanno inviato degli ispettori per accertare eventuali responsabilità. i periti medico-legali della Procura sottolineano ancora: “Tutte le questioni inerenti alla organizzazione del Sues 118 (sulle quali non è compito nostro entrare) non hanno nel caso in esame alcuna rilevanza causale e concausale”.
Le indagini erano state avviate dal procuratore Giovanni Salvi dopo la denuncia dei familiari della piccola Nicole, i quali, avevano segnalato anomalie nella gestione del parto e del successivo trasferimento della piccola in ambulanza a Ragusa. L’assessore per la Salute della Regione Siciliana, Lucia Borsellino ha commentato: “alla lettura dei contenuti della relazione di consulenza tecnica medico-legale, il mio pensiero va principalmente ai familiari della piccola Nicole. È una tappa importante di un percorso volto all’accertamento della verità sui fatti accaduti attesa dai familiari, dalla collettività e dagli operatori sanitari, su un evento la cui risonanza mediatica ha anche inciso fortemente sull’immagine del sistema sanitario regionale”. La mamma della neonata ha affidato il suo commento attraverso facebook: “Quello che abbiamo sempre supposto, adesso è scritto nero su bianco, persone che si fanno chiamare medici da subito indagati, hanno fatto morire la mia bambina”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook