Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: MAXI BLITZ CONTRO MAFIA, PIZZO E DROGA, 39 ARRESTI

PALERMO: MAXI BLITZ CONTRO MAFIA, PIZZO E DROGA, 39 ARRESTI

Irruzione dei carabinieri nelle roccaforti mafiose del clan di Pagliarelli, in manette 39 persone. Tradotti in carcere anche tre nuovi capi del mandamento che tentavano di riorganizzare la cosca. Sequestrati oltre 250 chili di sostanze stupefacenti. Imprenditore denuncia il pizzo su alcuni lavori del policlinico.

 

PALERMO: MAXI BLITZ CONTRO MAFIA, PIZZO E DROGA, 39 ARRESTI –

Palermo. Reparto territoriale e Nucleo investigativo dei carabinieri azzerano i nuovi vertici del clan mafioso di Pagliarelli. In manette 39 persone: una parte agli arresti e l’altra ai domiciliari. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia guidata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, ha disarticolato i vertici dei clan di Pagliarelli, Corso Calatafimi e Villaggio Santa Rosalia. Per sei di loro l’accusa è mafia ed estorsione. Per tutti gli altri si tratta di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Sono stati arrestati: Alessandro Alessi, Giuseppe Perrone, Vincenzo Giudice, Michele Armanno, Giovan Battista Barone, Salvatore Sansone, Tommaso Nicolicchia, Andrea Calandra, Giosuè Cadtrofilippo, Giovanni Giardina, Alessandro Anello, Carlo Grasso, Antonino Spinelli, Matteo Di Liberto, Rosario Di Stefano, Aleandro Romano, Stefano Giaconia, Giuseppe Giaconia, Concetta Celano, Giuseppe Castronovo.
Comandati ai domiciliari: Vincenzo Bucchieri, Paolo Castrofilippo, Daniele Giaconia, Giovanni Correnti, Antonino Calvaruso, Gaetano Vivirito, Luigi Parolisi, Carmelo Migliaccio, Salvatore Ciancio, Domenico Nicolicchia, Giuseppe Bruno, Pietro Abbate e Antonino Abbate.
Sottodimensionato il giro del pizzo, cosa nostra si concentra nel commercio e spaccio di droga. Il blitz dei carabinieri ha registrato l’arresto di 39 mafiosi, considerati esponenti del clan mafioso di Pagliarelli, accusati di associazione mafiosa, traffico di droga, estorsione e corruzione. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati centinaia di chili di droga. Durante le indagini, coordinate dalla Dda, i carabinieri hanno sequestrato oltre 250 chili di droga. Scoperte, anche alcune estorsioni ai danni di commercianti che nonostante, alcuni trovano il coraggio di denunciare altri continuano a pagare e sottomettersi alla legge del pizzo. Per esempio, un imprenditore, che stava effettuando lavori di ristrutturazione al Policlinico, si sarebbe rivolto agli inquirenti raccontando loro di avere ricevuto una richiesta di pizzo di 500 mila euro. A guidare il mandamento di Pagliarelli si era formato un “triumvirato”: in carcere, sono finiti i tre nuovi capi del mandamento di Pagliarelli, una sorta di oligarchia mafiosa che, dopo i tanti arresti degli ultimi anni, tentava di riorganizzare il clan.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook