GIARRE (CT): RIAPRE IL PRONTO SOCCORSO

GIARRE (CT): RIAPRE IL PRONTO SOCCORSO

L’assessore Borsellino potenzia il sistema ospedaliero di Giarre. Quindi dopo la morte di una donna e la protesta dei cittadini di Giarre che hanno bloccato la stazione ferroviaria della cittadina ecco la riattivazione del "Presidio sanitario emergenza h24". Poi l’annuncio dell'assessore regionale per la Sanità: "Era tutto previsto nella delibera dell'Asp dell'aprile scorso. Il decesso? Una tragica coincidenza temporale".

 

GIARRE (CT): RIAPRE IL PRONTO SOCCORSO –

Giarre. L’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino ha incontrato i giornalisti a Catania al termine di una lunga riunione, nella sede dell’Asp etnea. A margine della conferenza stampa, l’amministratore regionale ha spiegato che: “il presidio ospedaliero di Giarre diventa un presidio territoriale di emergenza con l’integrazione di servizi h24 e la stabilizzazione dei pazienti”. Inoltre, l’assessore ha sottolineato che l’iniziativa: “non è da mettere in relazione” con la morte della donna avvenuta sabato scorso a Giarre.
In apertura della conferenza stampa l’assessore regionale per la Sanità ha detto: “Siamo qui perché stiamo monitorando lo stato di avanzamento di un percorso iniziato da mesi che riguardava l’efficientamento di tutta la rete sanitaria della provincia. Era tutto previsto nella delibera della Asp dell’aprile scorso con la quale era stata avviata la rifunzionalizzazione del presidio ospedaliero di Giarre e che prevedeva, tra l’altro, la soppressione del pronto soccorso e la sua riconversione in Pte”.
L’amministratrice regionale in merito a quanto accaduto ha puntualizzato: “sono queste coincidenze che possono capitare in termini temporali rispetto ad un percorso di riqualificazione che è assolutamente in progress”. La Borsellino ha precisato che la tragica vicenda accaduta nei giorni scorsi ha fortemente accelerato il processo di ripresa delle funzioni della rete ospedaliera a Giarre, poi, ha aggiunto: “Oggi abbiamo stabilito come integrare i servizi in termini di orario e di personale. Un ulteriore passo avanti che abbiamo fatto è la medicalizzazione di alcune postazioni del 118, in particolare quella di Mascali, che non era medicalizzata e via è la previsione di medicalizzare quella di Riposto”. E ancora ha affermato: “mi sento vicina ai familiari.
Nel corso del mio mandato e degli assessori che mi hanno preceduto questi eventi possono ben capitare ma indipendentemente dalle cause e dalle connessioni che viene spontaneo fare nell’immediato dell’accaduto, l’amministrazione non si può fermare e deve dare risposte a una collettività vulnerata da un evento avverso del quale non conosce le cause”. Quindi con fermezza ha aggiunto: “non si torna indietro rispetto a quelle che sono le decisioni assunte nell’ambito della rete ospedaliera e quello che stiamo portando avanti è un percorso ordinario che riguarda il processo di rifunzionalizzazione della rete ospedaliera. “Spero che anche in questo caso si faccia subito chiarezza rispetto alle cause del decesso perchè questo può sgombrare il campo da qualunque interconnessione che viene naturale fare quando accadono eventi del genere assolutamente spiacevoli. Oggi ho avuto modo di incontrare i familiari della donna e di esprimere il cordoglio delle istituzioni sanitarie nel loro complesso”. L’assessore regionale alla salute ha tenuto a precisare che il processo attivato a Giarre sarà esteso a tutti i presidi ospedalieri di analoghe dimensioni nell’isola.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook