Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GIARRE (CT): CITTADINI OCCUPANO STAZIONE FERROVIARIA

GIARRE (CT): CITTADINI OCCUPANO STAZIONE FERROVIARIA

Protesta di poco più di un centinaio di cittadini per chiedere la riapertura del Pronto soccorso del paese dopo la morte di una donna. Intanto, dopo l'aggressione subita dal personale del 118, è stato inviato un esposto alla Procura di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

GIARRE (CT): CITTADINI OCCUPANO STAZIONE FERROVIARIA –

Giarre. Intanto la protesta è pacifica e non si registrano problemi di ordine pubblico. Alla manifestazione prendono parte, oltre a poco più di un centinaio di persone, anche i familiari della donna 52enne morta sabato scorso in seguito ad un malore accusato nella sua abitazione. I manifestanti hanno occupato i binari della stazione ferroviaria di Giarre per chiedere la riapertura del Pronto Soccorso del locale ospedale. Nel giorno in cui la donna ha perso la vita i parenti, ritenendo che il decesso fosse dovuto a un ritardo nei soccorsi, hanno danneggiato l’ambulanza del 118 perché il rianimatore a bordo del mezzo di soccorso non era medico e aveva trasportato la paziente nella pista di atletica per farla trasferire dall’elisoccorso a un ospedale attrezzato. Questa mattina, l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, per far luce sulla vicenda, ha incontrato nella sede Asp di Catania il sindaco di Giarre e i vertici dell’Azienda. Intanto, dopo l’aggressione subita dal personale del 118, è stato inviato un esposto alla Procura di Catania.
Si pubblica il testo integralmente:
Alla Procura della Repubblica di CATANIA
Agli organi di stampa e testate giornalistiche
OGGETTO: Esposto-Denuncia relativo all’intervento del 118: soccorso effettuato in data 23.05.2015 in località GIARRE
In relazione agli eventi occorsi a Giarre nella mattinata del 23.05 u.s., nell’associarci al dolore dei familiari per la grave perdita subita, non possiamo al contempo esimerci dall’esprimere solidarietà ai soccorritori vittime della violenta aggressione indebitamente perpetrata nei loro confronti, colpevoli esclusivamente di avere prestato soccorso adottando i provvedimenti necessari a garantire la migliore assistenza alla paziente.
Nel ritenere preliminarmente che il personale operante nel sistema 118 di Catania, anche in virtù degli interventi di formazione e dell’esperienza maturata negli anni, esplica la propria attività con altissima professionalità, efficienza e pronta disponibilità, impegnandosi con dedizione, sensibilità e passione al delicato compito di assistere chi soffre, ci pare opportuno evidenziare quanto segue:
– La distribuzione delle ambulanze sul territorio è sancita dagli organi centrali (Regione) secondo criteri che tengono conto di svariati parametri (estensione del territorio, densità abitativa, statistiche epidemiologiche, ecc.);
– Non è pensabile, né praticamente attuabile, dislocare un’ambulanza (meglio se dotata di personale medico) sotto ogni civile abitazione;
– Le richieste urgenti di intervento sanitario, in quanto non prevedibili o programmabili, di un ambito territoriale possono pervenire con cadenza sporadica o, nello stesso momento, in numero superiore alle disponibilità di mezzi;
– L’ambulanza del territorio, all’atto della richiesta, può, pertanto, essere impegnata in altro soccorso;
– Parenti e conoscenti, che vivono con particolare ansia ed emotività l’attesa, percepiscono come lunghissimo il tempo intercorso tra richiesta ed arrivo dei mezzi (che val la pena ricordare viaggiano su ruote, in strade trafficate dalla normale utenza e con obbligo di rispettare i termini di legge fissati dal codice della strada);
– Ogni autista soccorritore possiede formazione adeguata, competenza ed esperienza per interventi idonei alla sintomatologia rilevata e per sostenere le funzioni vitali (tecniche di B.L.S.) in attesa del soccorso avanzato;
– Purtroppo anche ai nostri giorni, per quanto rari, esistono eventi improvvisi e non prevedibili che, a qualsiasi età, possono rivelarsi letali;
– Nessun operatore sanitario, ed ancora meno chi opera nell’emergenza, per formazione culturale, scelta professionale ed esperienza maturata, resta indifferente ai bisogni di chi soffre.
Per quanto premesso appare incomprensibile ed ingiustificabile qualsiasi aggressione o atto violento perpetrato nei confronti dei soccorritori che, oltretutto, restano i principali attori dell’intervento sul luogo dell’evento.
Su di essi vengono ingiustamente scaricati i rancori di chi li identifica con l’istituzione, come i “decisori” politici delle scelte operative piuttosto che come soggetti che, pur spesso in carenza di risorse, combattono ogni giorno battaglie a tutela del benessere del prossimo anche a rischio della propria incolumità (pur nel rispetto della sicurezza, un’ambulanza lanciata in soccorso o un elicottero in volo rappresentano per gli operatori un elemento di pericolo sulla propria incolumità: vedi personale di elisoccorso e di ambulanza deceduto o gravemente offeso durante il servizio).
Ciò che viene impropriamente definito, anche se talvolta solo come ipotesi; “malasanità” non fa che alimentare ingiustificata sfiducia, diffidenza, incomprensione e pregiudiziale reattività verso un sistema sanitario che, pur con i limiti introdotti dalla necessità di ottimizzare la spesa, in epoca di risorse sempre più ridotte, opera in condizioni spesso estreme e con il costante timore di subire indagini giudiziarie.
Il comprensibile naturale dolore di chi ha perso un congiunto, che sempre ci trova partecipi, non può trasformarsi nella violenta caccia di un capro espiatorio (solitamente l’ultimo arrivato è il più esposto) da sacrificare al bisogno di vendetta o sommaria giustizia.
Solo in una ridottissima percentuale dei casi, impropriamente ed enfaticamente denunciati come “malasanità”, viene accertata una responsabilità dei sanitari. Quando, invece, viene riconosciuta l’assenza di colpe e la correttezza operativa nessuno ne parla: resta solo la percezione collettiva del “fango” che è stato gettato.
Con altrettanta fermezza bisogna condannare il “malcostume” di chi esercita violenza sugli addetti al soccorso spesso danneggiando mezzi e strumenti che sono patrimonio di tutti, al servizio della collettività.
Per quanto esposto CHIEDIAMO che la Magistratura, contestualmente al legittimo accertamento di eventuali responsabilità sanitarie, verifichi e, ove lo ritenga, persegua le seguenti ipotesi di reato:
– Violenza fisica e/o verbale diretta a pubblici ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni;
– Danneggiamento patrimoniale di mezzi e strumenti pubblici;
– Interruzione di Servizio di pubblica utilità;
e quant’altro venga ritenuto di rilevanza penale.
Nel ritenere ineccepibile, conforme ai protocolli ed altamente professionale l’attività espletata da tutti gli operatori coinvolti nell’evento oggetto della presente, dagli infermieri preposti al non facile compito di interpretazione al centralino del 118, agli autisti-soccorritori, al personale altamente qualificato dell’eliambulanza (sanitario, pilota e tecnico), siamo certi che una auspicata eventuale esemplare condanna degli artefici di tali violente aggressioni, potrebbe contribuire, finalmente, ad arginare un fenomeno sempre più diffuso nei nostri territori consentendo il ripristino di quella necessaria serenità utile agli attori dell’urgenza-emergenza sanitaria per operare al meglio e nell’interesse di tutti.
Dr. Paolo Castorina
Presidente cares 118 Sicilia A.P.S.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook