Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: PROGETTANO RAPINA AL PUB, TRE ARRESTI

PALERMO: PROGETTANO RAPINA AL PUB, TRE ARRESTI

I tre arrestati sono accusati della rapina e del tentato omicidio di un carabiniere in congedo, Mariano Ferro, ferito con diversi colpi di pistola la notte del 6 ottobre scorso all'uscita da una sala Bingo: ridotto in fin di vita solo per rubargli il borsello. Le investigazioni inchiodano anche Alessandro Bertolino, gestore di uno dei locali di via Spinuzza dove è stato pianificato il colpo.

 

PALERMO: PROGETTANO RAPINA AL PUB, TRE ARRESTI –

Palermo. Clamorosa svolta delle indagini della squadra mobile del capoluogo siciliano in merito alla rapina e al tentato omicidio del carabiniere in congedo Mariano Ferro, 46 anni, aggredito mentre si trovava all’uscita di una sala bingo in via Cavour. L’uomo ha lottato fra la vita e la morte, dopo essere stato raggiunto da numerosi colpi di pistola lo scorso 6 ottobre. Un componente della banda era già finito in manette dopo l’agguato. Oggi arrestati gli altri tre presunti complici, fra i quali, Alessandro Bertolino, 23 anni, gestore dell’Alex Pub di via Spinuzza che si trova a pochi metri dal luogo in cui infuriò la sparatoria. Ed è proprio nel suo locale, come confermano le immagini di alcune telecamere di sicurezza, che sarebbe stato pianificato il colpo, e proprio nel pub, Bertolino avrebbe consegnato la pistola ai componenti della banda. Proprio per questo motivo il pubblico ministero, Siro De Flamineis, aveva chiesto, il sequestro del locale ma con esito negativo.
Gli altri due arrestati sono Antonio Randazzo, 35 anni, e Alessandro La Targia di 26. Il giorno della rapina il groppo aveva consumato l’ultimo cocktail, per piazzarsi davanti alla sala scommesse Cesar Luxury Palace e tendere l’agguato al Ferro. L’ex carabiniere uscì poco dopo le ore 4,30. Entrato in auto gli chiesero di consegnare il borsello, lui, non fece alcuna resistenza. All’interno della borsa Non vi era denaro, a quel punto la spietata reazione degli aggressori. Dalla rabbia, gli spararono tre colpi di pistola e i proiettili raggiunsero Ferro in tre punti del corpo: gamba, spalla e braccio.
Per fortuna la vittima si salvò dopo un delicato intervento chirurgico. Dopo l’agguato scattarono le indagini e fu arrestato, Anes Boukadida, tunisino che ha sempre dichiarato la sua estraneità alla rapina, nonostante le immagini lo inchiodassero accanto alla persona che teneva in pugno una pistola calibro 7.65. Grazie al lavoro della sezione Antirapina della Squadra mobile di Palermo, diretta da Silvia Como si potrà accertare le responsabilità dei rapinatori.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook