REGIONE SICILIANA: FORMAZIONE, GIUNTA COSTRETTA A RINUNCIARE A 112 MILIONI

REGIONE SICILIANA: FORMAZIONE, GIUNTA COSTRETTA A RINUNCIARE A 112 MILIONI

Nell'ultima riunione, la giunta Crocetta costretta a rinunciare a una grossa somma di Fondi Pac (112 milioni) destinata al Piano giovani, ma tornata a Roma perché non spesa in tempo. Il gruppo Forza Italia All’Ars chiede commissione d'inchiesta. Nel contempo fioccano sentenze del Tar sfavorevoli all'esecutivo regionale e intanto potrebbero servire altri 60mln per le cause perse.

Print Friendly, PDF & Email

 

REGIONE SICILIANA: FORMAZIONE, GIUNTA COSTRETTA A RINUNCIARE A 112 MILIONI –

Palermo. La Regione Siciliana si prepara a ritornare 112 milioni che sarebbero serviti per la formazione. La grossa somma si riferisce a Fondi Pac non spesi, che adesso costringono il governo a “riscrivere” il Piano giovani con molte meno risorse. La brutta notizia si è appresa in occasione dell’ultima riunione giunta regionale: ultima rimodulazione dei fondi destinati alla Formazione. Un intervento che potrebbe finalmente avvicinare l’avvio dei corsi, ma che originariamente doveva avere una “portata economica” di gran lunga maggiore: 452 milioni di euro, calati a quasi 340 milioni per la lentezza dell’amministrazione regionale.
Alcune cause perse al Tar tra le note negative provocate dalla giunta Crocetta: quella economicamente più evidente ed economicamente più pesante, riguarda la cessione dell’ente Cefop al consorzio Cerf. Solo a causa della recente sentenza che ha di fatto smentito la giunta regionale rea di avere revocato illegittimamente la cessione, quindi la Regione si vedrà costretta a recuperare circa 32 milioni. In totale, però, i milioni da reperire saranno quasi sessanta. Ma sul “come” andrà reperito quel denaro, ancora non si sa. Da alcuni conti la Sicilia ha già perso complessivamente, per il 2015, la bellezza di 270 milioni. Nel triennio il denaro che ritornerà a Roma è stimato in oltre 800 milioni di euro. Tirando le somme il risultato è negativo considerando sia le norme previste nella legge di stabilità nazionale, con le quali il governo Renzi ha deciso di “rastrellare” 3,5 miliardi tra i fondi Pac non spesi dalle Regioni per finanziare i contributi alle assunzioni a tempo indeterminato, sia dall’incapacità della giunta regionale di utilizzare quei fondi entro il 30 settembre 2014. Da registrare che i 270 milioni restituiti al governo Renzi solo nel 2015, oltre 112 milioni erano stati inizialmente destinati, al Piano giovani. Un progetto ampio e costituito da varie tipologie di intervento. Una serie di iniziative che avrebbero dovuto rappresentare un merito positivo dell’attività amministrativa della giunta regionale. Purtroppo, il flop del “click day” verificatosi nei mesi scorsi ha contribuito a segnare un momento negativo nell’amministrazione della importante vicenda. A tutt’oggi la giunta regionale evidenzia che 112 milioni di euro dovranno essere restituiti al mittente. E in questo contesto ha rimodulato i fondi destinati ai vari interventi. Però quel denaro finalizzato al Piano giovani, inizialmente di 452 milioni ma calato 340 potrebbe non bastare. Nel contempo sulla giunta Crocetta continuano a fioccare sentenze sfavorevoli da parte dei tribunali amministrativi all’amministrazione regionale. Se l’esito dei ricorsi prenderà una piega tutta negativa, la Regione sarà costretta a reperire altri 62 milioni di euro. Come si può evincere nella delibera emessa cinque giorni fa. Quindi, dei 339 milioni del “Piano giovani”, la maggior parte (310 milioni) sono rivolti alla “priorità 3” (Formazione giovani).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook