Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CROCETTA: NUOVE MINACCE DI MORTE AL PRESIDENTE

CROCETTA: NUOVE MINACCE DI MORTE AL PRESIDENTE

Un messaggio anonimo di morte indirizzato al presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta è arrivato questa mattina all’alba con una telefonata anonima al 113 partita dalla cittadella universitaria di Palermo: “E Crocetta muriu” ha scandito la voce anonima. Il Presidente ha replicato: "sono i miei auguri per le feste". Intanto è stato rafforzato il sistema di sicurezza di cui Crocetta è dotato ormai da parecchi anni.

Print Friendly, PDF & Email

 

CROCETTA: NUOVE MINACCE DI MORTE AL PRESIDENTE –

Crocetta. Nuove minacce di morte indirizzate al presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta. La telefonata è stata registrata alle 6.16 di questa mattina. Sarebbe partita da un telefono all’interno della cittadella universitaria, a Palermo. Una voce maschile ha chiamato il 113 della polizia e con una marcata inflessione dialettale ha esclamato: “E Crocetta muriu (ndr e Crocetta è morto)”. Intanto è stato subito rafforzato la struttura di sicurezza attorno a Crocetta che vive sotto scorta da quando il clan mafioso degli Emanuello lo condannò a morte per le sue battaglie da sindaco di Gela. Con grande serenità, Il presidente della Regione ha commentato l’accaduto: “Sono i miei auguri di Natale. Sono molto tranquillo e proseguo il mio lavoro per liberare la Sicilia dalla corruzione e dalla criminalità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook