TERMINI IMERESE (PA): CASSA INTEGRAZIONE, LANDINI, ‘SI CONCEDA PIÙ TEMPO AI LAVORATORI EX FIAT’

TERMINI IMERESE (PA): CASSA INTEGRAZIONE, LANDINI, ‘SI CONCEDA PIÙ TEMPO AI LAVORATORI EX FIAT’

Maurizio Landini, leader della Fiom è intervenuto in occasione del vertice al Mise rimarcando la vicenda dei lavoratori di Termini Imerese: "Il premier ad agosto si è sbilanciato sull'ex Fiat, ora proroghi di qualche mese la cassa integrazione per consentire di valutare la proposta Metec". In considerazione dei progetti falliti per Termini Imerese, Landini, nel suo ragionamento intravede un possibile rischio legato a operazioni di tipo finanziario: "Abbiamo di fronte due soggetti, Fiat e governo, che devono assumersi le proprie responsabilità".

Print Friendly, PDF & Email

 

TERMINI IMERESE (PA): CASSA INTEGRAZIONE, LANDINI, ‘SI CONCEDA PIÙ TEMPO AI LAVORATORI EX FIAT’ –

Termini Imerese. Alla vigilia del vertice al Mise con Metec, il leader della Fiom Maurizio Landini si è rivolto al presidente del Consiglio, ricordandogli che dovrebbe entrare nel dettaglio del piano per rilanciare lo stabilimento ex Fiat: “ad agosto Renzi disse che il fallimento del rilancio di Termini Imerese avrebbe comportato il fallimento della politica e del governo: voglio prendere sul serio quelle parole pronunciate dal premier”. Poi, Landini continua dicendo: “proprio per quanto detto da Renzi dal governo mi aspetto saggezza, non ci chieda di firmare accordi di fede, ma conceda più tempo per valutare il piano industriale di Metec, prorogando di qualche mese la cig in deroga per tutti i lavoratori, di Fiat e dell’indotto. il fallimento dell’operazione Grifa, avendo alle spalle anche il fallimento del progetto De Risio, pone a tutti la necessità, a partire dal governo Renzi, di non compiere altri passi falsi. Per questo motivo occorre avere tempo per approfondire il nuovo progetto della Metec, dunque è necessario un ulteriore periodo di cassa integrazione. Termini Imerese è fatto di dipendenti Fiat e di lavoratori dell’indotto, ci sono 290 milioni di euro nell’accordo di programma e la soluzione definitiva deve riguardare tutti i lavoratori”. Inoltre, in merito all’affidabilità del gruppo Metec, Landini non è tanto sicuro e afferma: “E’ un gruppo che, oggettivamente, lavora da 40 anni con Fiat, ma bisogna avere certezze sugli investimenti che intende fare a Termini Imerese e sui tempi per la produzione di auto al di là della componentistica. Se Renzi vuole essere coerente con le parole dette ad agosto durante la sua visita a Termini Imerese – spiega Landini – deve agire per concedere il tempo necessario a costruire una soluzione industriale credibile”. Considerato i progetti falliti per Termini Imerese, Landini, nel suo ragionamento intravede un possibile rischio legato a operazioni di tipo finanziario: “Abbiamo di fronte due soggetti, Fiat e governo, che devono assumersi le proprie responsabilità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook