Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: GDF SEQUESTRA BENI A IMPRENDITORE, AVREBBE PROCURATO AUTO ALLA MAFIA

PALERMO: GDF SEQUESTRA BENI A IMPRENDITORE, AVREBBE PROCURATO AUTO ALLA MAFIA

Finanzieri sequestrano a Palermo beni per 28 milioni all'imprenditore di Villabate Rosario Castello: procurava auto a latitanti e pare era a disposizione della famiglia di Brancaccio-Corso dei Mille

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: GDF SEQUESTRA BENI A IMPRENDITORE, AVREBBE PROCURATO AUTO ALLA MAFIA –

Palermo. La guardia di finanza del capoluogo siciliano ha sequestrato beni per oltre 28 milioni all’imprenditore Rosario Castello, 62 anni, di Villabate, titolare di una grossa concessionaria di automobili a palermo. L’accusa: avrebbe procurato autovetture in regola da porre nella disponibilità di latitanti, curando anche il reperimento di luoghi sicuri per gli incontri tra “uomini d’onore”. Castello era stato condannato nel 1998 dalla Corte di appello di Palermo per concorso in associazione a delinquere di stampo mafioso. Era stato ritenuto soggetto “a disposizione” della famiglia di Brancaccio-Corso dei Mille. Le fiamme gialle hanno confiscato all’imprenditore: due società operanti nel settore della vendita di autoveicoli, una società immobiliare, tre abitazioni, sei fabbricati a uso commerciale e due terreni in ubicati a Palermo e nella provincia, nonché somme di denaro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook