Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: FINANZIERI FERMANO BOSS CHE VOLEVA UCCIDERE IL PM DI MATTEO

PALERMO: FINANZIERI FERMANO BOSS CHE VOLEVA UCCIDERE IL PM DI MATTEO

Il boss dell'Acquasanta Vito Galatolo, racconta le fasi preparatorie dell'attentato in cui doveva essere ucciso il pubblico ministero di Palermo Nino Di Matteo. I verbali sono pieni di nomi. Su tutti, primeggia quello di Matteo Messina Denaro. Le rivelazioni di Galatolo hanno fatto scattare il maxi blitz coinvolgendo centinaia di agenti e che ha reso possibile il fermo di Vincenzo Graziano, il quale, avrebbe procurato il tritolo per un attentato al magistrato. Preoccupazione in procura: ancora non è stato trovato il tritolo.

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: FINANZIERI FERMANO BOSS CHE VOLEVA UCCIDERE IL PM DI MATTEO –

Palermo. Vito Galatolo, Il boss dell’acquasanta, vuota il sacco e parla. Subito alle prime luci dell’alba, mentre il capoluogo siciliano è flagellato da un temporale, scatta l’operazione antimafia della guardia di finanza contro Vincenzo Graziano, l’uomo che avrebbe procurato l’esplosivo per un attentato al pm Nino Di Matteo (uno dei magistrati del processo Stato-mafia). Ancora non è stato trovato Il tritolo. Intanto, le forze dell’ordine setacciano il condominio dove abita Graziano, che già è stato fermato. Graziano, è ritenuto dagli investigatori il reggente del mandamento di Resuttana dopo l’arresto di Galatolo, il 23 giugno scorso dalle Fiamme gialle nell’ambito dell’operazione “Apocalisse”. Il blitz è stato disposto dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo ed è finalizzato anche alla ricerca di armi ed esplosivo al quale partecipano centinaia di militari. I Finanzieri sono entrati in azione perlustrando una piccola stradina all’Acquasanta, vicolo Pipitone, nei pressi dei Cantieri navali. Il procuratore aggiunto di Palermo, Vittorio Teresi ha detto: “Non abbiamo trovato l’esplosivo, nonostante abbiamo passato al setaccio un’area vasta che era sotto il totale controllo della famiglia Galatolo. La mancata scoperta del tritolo è una cosa che ci inquieta molto”. Comunque, la segnalazione di Galatolo era specifica: a procurare il tritolo, secondo quanto afferma l’uomo che, in queste ultime settimane, sta contribuendo a stilare pagine e pagine di verbali, sarebbe stato Graziano. Inoltre, Secondo Galatolo i cento chili di tritolo provengono dalla Calabria.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook