Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO LORIS: TRA LE IPOTESI UN COMPLICE

OMICIDIO LORIS: TRA LE IPOTESI UN COMPLICE

Tra le ipotesi dell’omicidio del piccolo Loris spunta un complice. Pronto il nulla osta per la restituzione della salma. Il procuratore della Repubblica di Ragusa dichiara che: "le indagini continuano, un'altra persona potrebbe avere aiutato Veronica Panarello. Il papà di Loris lancia un appello ai giornalisti chiedendo di lasciare in pace la famiglia, soprattutto nel giorno del funerale.

Print Friendly, PDF & Email

 

OMICIDIO LORIS: TRA LE IPOTESI UN COMPLICE –

Omicidio Loris. A Santa Croce Camerina continuano senza sosta le indagini condotte da inquirenti e investigatori. Intanto, il procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia, ha illustrato tre possibili scenari del delitto di Loris Stival, 8 anni, per il quale è stata arrestata la madre Veronica Panarello. Petralia spiega che: “la prima ipotesi è quella che vede la mamma responsabile del delitto e della fase di occultamento del cadavere; la seconda vede la figura di un complice nella fase di occultamento del cadavere; nella terza s’ipotizza una cooperazione anche nel delitto. Queste ipotesi – aggiunge il procuratore – non sono alternative, ma complementari”. Inoltre, investigatori e inquirenti non escludono, la responsabilità della madre di Loris per la quale il gip ha convalidato l’arresto. Sempre il procuratore Petralia ha detto: “domani mattina concederò il nulla osta per la restituzione della salma del piccolo Loris alla famiglia, così si potranno celebrare i funerali”. Davide Stival, padre di Loris, tramite il suo legale, Daniele Scrofani Cancellieri, ha inviato un messaggio ai giornalisti: “Vogliamo essere lasciati in pace soprattutto nel giorno del funerale. Il mio assistito – aggiunge il legale – non è andato a trovare sua moglie. Per lui era la mamma perfetta”. Poi continua: “se fosse stata lei saremmo di fronte a un caso di donna bipolare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook