Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: CONTEGGIAVANO I PANNOLONI ANCHE PER I MORTI

PALERMO: CONTEGGIAVANO I PANNOLONI ANCHE PER I MORTI

Scoperta a Palermo una truffa al servizio sanitario locale, arrestati farmacisti e un dipendente Asp. I fermati, intascavano profitti illeciti alterando autorizzazioni per pazienti inesistenti.

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: CONTEGGIAVANO I PANNOLONI ANCHE PER I MORTI –

Palermo. Scoperta nel capoluogo siciliano una truffa ai danni del servizio sanitario locale. I carabinieri di Palermo hanno fermato sei persone per truffa: sono tre farmacisti, il titolare di una parafarmacia, di un dipendente Asp e una sesta persona che agiva da corriere. Gli investigatori hanno scoperto che l’Asp rimborsava anche pannoloni a pazienti morti. Il direttore generale dell’Asp Antonio Candela aveva presentato un esposto. I fermati sono accusati, a vario titolo, di concorso in falso, accesso abusivo al sistema informatico e truffa aggravata al servizio sanitario. L’inchiesta, era stata avviata già nel 2013 dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura. Gli investigatori hanno appurato un meccanismo che permetteva agli indagati di conseguire profitti illeciti con la falsificazione delle autorizzazioni emesse dall’Asp per la distribuzione in regime di convenzione, presso le farmacie e parafarmacie, di prodotti per l’incontinenza e per celiaci. Avviate le indagini, i carabinieri hanno installato delle telecamere nell’ufficio di Pietro Li Sacchi, 41 anni, funzionario dell’ufficio H del Dipartimento di riabilitazione con sede nell’ospedale Guadagna. Controllando le immagini, i militari hanno messo a fuoco tutte le fasi della truffa. Nei vari passaggi venivano conteggiati pannoloni a pazienti morti o inesistenti grazie ad autorizzazioni falsificate, mentre i farmacisti oltre al rimborso illecito ricevuto, rivendevano nuovamente il materiale.

I fermati: Giuseppe Vallino 44 anni; Pietro Li Sacchi, 41 anni, funzionario dell’ufficio H del Dipartimento di riabilitazione ospedale Guadagna; Giuseppe Pepe, 55 anni, socio accomandatario della farmacia Trossarelli di via Francesco Paolo Perez; Gaetano Sirchia, 66 anni, titolare della farmacia Del Vespro di corso Tukory; Diego Genovese, 74 anni, proprietario di una farmacia sempre in corso Tukory; Andrea Lo Iacono, 38 anni, titolare di una parafarmacia con sede in via Carlo Pisacane.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook