Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ON. VECCHIO VISITA IN CARCERE VERONICA PANARELLO

CATANIA: ON. VECCHIO VISITA IN CARCERE VERONICA PANARELLO

Visita del deputato Andrea Vecchio alla madre di Loris: "Ho visto Veronica in carcere tremava e aveva gli occhi sbarrati" e aggiunge "mi ha detto che è innocente e che i giornali non riportano la verità". Intanto si attende il rilascio della salma del bambino. Il sacerdote di Santa Croce durante la messa: "Il male non avrà l'ultima parola".

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: ON VECCHIO VISITA IN CARCERE VERONICA PANARELLO –

Catania. Le verità di Veronica Panarello, confidate al deputato di Scelta Civica Andrea Vecchio, che stamane le ha fatto una visita nel carcere di Catania. La madre del piccolo Loris ucciso a Santa Croce Camerina, si è sfogata con dicendo: “Sono innocente. Nessuno mi crede, nessuno mi vuole credere. I giornali non riportano tutta la verità. Io sono innocente ma nessuno mi vuole credere”. Poi il racconto del deputato:”si trovava in una cella spoglia, guardata a vista attraverso un cancello di ferro chiuso a chiave da una guardia carceraria. Ai miei occhi, su una brandina addossata al muro con addosso una coperta di lana giaceva un corpicino tremante e rannicchiato. Ha sollevato la coperta e ha fatto cenno di alzarsi, sotto la coperta indossava i vestiti, una maglietta, un pullover e un paio di pantaloni. Ai piedi indossava un paio di calze a righe orizzontali. Le ho chiesto di rimanere seduta. Capelli lisci, quasi sulle spalle, due labbra esili serrate, due grandi occhi scuri, quasi neri, sbarrati nel vuoto, a tratti rivolti a noi. Le ho chiesto come si sentisse. Mi ha risposto: ‘Come posso stare qua dentro con il peso che ho?'”.
L’avvocato Francesco Villardita legale della donna accusata dichiara di voler andare fino in fondo. “Combatterò fino alla fine perché credo nell’innocenza di Veronica Panarello. Battaglierò con mani, piedi e denti anche perché ho ricevuto molti messaggi di solidarietà per lei. Non credo che l’opinione pubblica l’abbia già condannata, anzi. Secondo me c’è un’Italia divisa tra colpevolisti e innocentisti”.
alcuni cellulari, di vecchia generazione e apparentemente non in funzione e un mazzo di chiavi della casa, sono stati trovati da agenti della polizia scientifica in una perquisizione eseguita in casa di Veronica Panarello, a Santa Croce Camerina. I telefonini saranno consegnati domani alla polizia postale di Catania per degli esami e per accertare cosa contengano e se siano stati utilizzati di recente. Intanto, la Procura di Ragusa non ha ancora firmato il nulla osta che autorizza la riconsegna della salma di Loris Stival alla famiglia. Per questo non è stato ancora possibile fissare la data dei funerali. Domani i magistrati che seguono il caso e il medico legale Giuseppe Iuvara avranno una riunione per fare il punto della situazione e decideranno anche sull’eventuale data della restituzione del corpo.
Nella messa di stamane il viceparroco della chiesa San Giovanni Battista di Santa Croce Camerina, don Flavio Maganuco, nell’omelia, dinnanzi a un centinaio di bambini ha detto: “Loris è in paradiso, ha un compito importante: è un angelo di Dio. Preghiamo non per lui ma preghiamo lui”, ha detto. Poi il sacerdote ha invocato: “caro Loris facci essere portatori della luce, facci tornare a sorridere e ad amare. Il male non avrà l’ultima parola su di noi. Ma anche noi siamo chiamati a portare la gioia, come fa Dio con noi”. Ai bambini presenti, il viceparroco ha chiesto: “Chi ha avuto paura del buio alzi la mano”. l’ha sollevata per primo Don Flavio seguito da tanti altri ragazzini. “Non è il buio che ci fa paura perché conosco signore che ancora a 30 anni dormono con la luce accesa, ma ci fa paura essere soli e non protetti. Noi abbiamo bisogno del sorriso dei bambini, non sapete quanta forza dà”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook