Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DENISE: FRASE SHOCK, APERTA NUOVA INCHIESTA PER OMICIDIO

DENISE: FRASE SHOCK, APERTA NUOVA INCHIESTA PER OMICIDIO

Colpo di scena: Trasmessa dalla Procura generale di Palermo alla procura di Marsala un'intercettazione fra le sorelle Pulizzi. Jessica dice alla sorellina Alice: "L'ha uccisa la mamma" e la Procura di Marsala apre un fascicolo al momento a carico d'ignoti. Nonostante siano passati dieci anni il mistero Denise Pipitone è ancora impenetrabile.

Print Friendly, PDF & Email

 

DENISE: FRASE SHOCK, APERTA NUOVA INCHIESTA PER OMICIDIO –

Denise Pipitone. La Procura generale di Palermo ha trasmesso alla Procura di Marsala il contenuto di una conversazione fra le sorelle Pulizzi, nella quale Jessica dice alla sorellina Alice: “L’ha uccisa la mamma”. Intanto il Pm Alberto Di Pisa ha aperto un fascicolo per omicidio. Così, la Procura di Marsala apre un’inchiesta per omicidio. Al momento è a carico di ignoti perché Di Pisa vuole prima sentire il contenuto della conversazione, la cui trascrizione è entrata nel processo d’appello a Jessica Pulizzi, assolta in primo grado dall’accusa di sequestro di persona. Intanto a Palermo si svolge il processo d’appello sulla scomparsa di Denise Pipitone, all’interno del quale, la sorellastra Jessica è imputata per concorso in sequestro di persona, dopo l’assoluzione in primo grado. La notizia arriva all’indomani della deposizione in aula di uno dei periti incaricati di trascrivere il contenuto della mole di intercettazioni ambientali. Il fascicolo finora è contro ignoti, dice il procuratore capo Alberto Di Pisa, che oltre alla trascrizione ha chiesto il file audio in cui, l’11 ottobre 2004, parlando con la sorella minore Alice in casa della madre Anna Corona, Jessica bisbiglierebbe: “Eramu n’casa a mamma l’ha uccisa a Denise” (Eravamo a casa, la mamma ha ucciso Denise), intimando ad Alice di mantenere segreta la notizia.

Su Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi, padre naturale di Denise, in passato si era indagato per concorso in sequestro di persona. L’inchiesta fu archiviata nel dicembre 2013. Una scelta contestata dall’avvocato Frazzitta secondo cui, c’erano tutti gli elementi per ritiene che la madre avesse aiutato la figlia Jessica nelle fasi successive al rapimento. Il giudice non la pensò alla stessa maniera. L’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile, stigmatizza la diffusione della notizia: “Anche se il fascicolo è contro ignoti, è come mettere sull’avviso gli interessati”.
Le intercettazioni sono state il motore dell’inchiesta sin dal suo avvio. “Abbiamo raccolto una mole di dati – affermò il consulente della Procura Gioacchino Genchi durante il processo di primo grado a Marsala – che, a mia memoria, non ha precedenti nella storia giudiziaria internazionale. Dodici milioni di contatti telefonici intercettati e acquisizione delle mappe Bts (stazioni radio base)”. Sempre, poche certezze, sempre a un passo dalla verità, ma alla fine in mano solo indizi, non prove certe e inconfutabili. Stavolta, però, la frase intercettata potrebbe rivelarsi decisiva. Ma l’inattesa frase toglie speranze alla mamma di Denise, Piera Maggio, che addolorata si è chiusa in silenzio assoluto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook