Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTA CROCE CAMERINA (RG): CONTROLLI SU GPS AUTO DELLA PANARELLO

SANTA CROCE CAMERINA (RG): CONTROLLI SU GPS AUTO DELLA PANARELLO

L'avvocato della famiglia Stival comunica che la madre di Loris ha consentito agli investigatori di controllare il Gps dell’auto: "Lei stessa ha autorizzato l'acquisizione dell'apparecchio". Adesso si cercheranno nuove indicazioni esatte sul percorso eseguito sabato scorso dalla Polo di Veronica Panarello. Il cacciatore: "L'autopsia e il Dna daranno tantissime risposte. Adesso lasciate in pace il paese e i bambini, sono molto scossi"

Print Friendly, PDF & Email

 

SANTA CROCE CAMERINA (RG): CONTROLLI SU GPS AUTO DELLA PANARELLO –

Santa Croce Camerina. Gli investigatori cercano conferme e nuove informazioni sul percorso esatto eseguito il 29 novembre scorso, giorno della scomparsa di Loris. Infatti, l’esame del rilevatore Gps presente sulla vettura della madre, potrà fornire nuove indicazioni. I tecnici sono a lavoro per estrapolare dati utili. L’avvocato Francesco Villardita, legale di Veronica Panarello sottolinea che la sua assistita ha consentito agli investigatori di controllare il Gps dell’auto: “La mamma di Loris ha autorizzato volontariamente l’acquisizione del Gps che era stato istallato nella sua auto nell’ambito di un contratto stipulato con la compagnia assicurativa. Non è stato sequestrato, così come la Polo: è acquisita agli atti dell’inchiesta perché la mia assistita non è indagata. Ed è estranea ai fatti”. La preside dellIstituto Falcone-Borsellino di Santa Croce Camerina, Giovanna Campo in merito a presunte fascette elettriche portate a scuola ha dichiarato: “secondo quanto mi hanno raccontato le maestre, la mamma di Loris quando sono andate a trovarla per farle le condoglianze ha consegnato loro delle fascette per farle vedere perché avrebbero fatto parte di un lavoro non concluso a scuola” escludendo categoricamente varie ricostruzioni di stampa: “che a scuola siano state chieste fascette: sono oggetti pericolosi. Nessuno ne ha portate in aula, se non di nascosto”.

Il cacciatore Orazio Fidone che sabato scorso ha ritrovato il corpo del piccolo Loris, intervistato stamane a “Mattino 5” ha dichiarato che “L’autopsia e il Dna daranno tantissime risposte”. Poi ha aggiunto: “dobbiamo ricostruire l’immagine di questo paese, abbiamo bisogno di serenità. Ricostruite l’immagine di questo paese, ve ne saremo grati tutti”. Ai cronisti che lo hanno incontrato al bar Fidone ha detto: “Un caffè lo offro con piacere ai giornalisti, purché lasciate in pace il paese: se volete parlate con me che oramai mi trovo in questa situazione”. Sul suo stato di indagato Fidone amareggiato ha poi chiosato: “Se è questo il prezzo che devo pagare per dare pace al paese sono pronto a subire tutto. Sono contento della solidarietà che ho ricevuto dalla mia comunità ma lasciate in pace i bambini delle scuole: sono molto scossi. Ho due nipoti che per due giorni non solo non mi hanno parlato, ma non mi hanno neppure guardato”. Intanto, nella Moschea di Santa Croce Camerina la comunità musulmana si è riunita in preghiera per ricordare il piccolo Andrea Loris. Il meccanismo investigativo continua incessante la ricerca di nuovi indizi per porre fine a questa tragedia infinita e assicurare al più presto alla giustizia l’assassino o gli assassini del piccolo Loris Stival.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook