Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTA CROCE CAMERINA (RG): LORIS STRANGOLATO

SANTA CROCE CAMERINA (RG): LORIS STRANGOLATO

Nuovi particolari sulla morte del piccolo di 8 anni ucciso a Santa Croce Camerina nel ragusano. Dagli esami necroscopici, riscontrati sono emersi sul corpo graffi al collo e al viso. Nella notte perquisite le case del cacciatore Fidone che ha scoperto il cadavere del bimbo. Le riprese di una telecamera, inoltre, dimostrano che Loris non è mai arrivato a scuola. La madre: "L'ho lasciato vicino alla scuola". Mentre il padre sottolinea: "Nulla da nascondere".

Print Friendly, PDF & Email

 

SANTA CROCE CAMERINA: LORIS STRANGOLATO –

Santa Croce Camerina. Il piccolo Loris Stival potrebbe essere stato ucciso per strangolamento con una fascetta elettrica. Secondo quanto si apprende, potrebbe essere questa la causa della morte del bambino di 8 anni per “asfissia da strangolamento” citata dalla Procura di Ragusa. Il corpo è stato trovato il 29 novembre scorso in un canalone di Santa Croce Camerina nel ragusano. Secondo quanto emerso da più fonti, gli esami necroscopici effettuati hanno accertato la presenza di graffi al collo e al viso che sarebbero stati causati dal laccio utilizzato per strangolarlo. Quando è stato ritrovato, indossava tutti gli abiti che aveva quella mattina, compreso il grembiule di

Veronica Panarello mamma del piccolo Loris Stival

Veronica Panarello mamma del piccolo Loris Stival

scuola, mentre gli unici elementi che mancavano erano gli slip e lo zaino, che non sono ancora stati trovati. Stamane gli inquirenti e tecnici della scientifica accompagnati da Vincenzo Nicolì, direttore della II Divisione del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato, hanno compiuto un nuovo sopralluogo nella zona di Contrada di Mulino Vecchio dove è stato trovato il corpicino di Loris. Il ritmo degli accertamenti e delle indagini sembrano essersi per il momento fermati alle notizie di ieri. C’è un video che smentisce il

racconto di Veronica Panarello, la mamma del piccolo Loris. Infatti, la mattina di sabato 29 novembre il bambino non è mai arrivato a scuola, come ha sempre sostenuto la donna, ma è rientrato a casa. Le immagini, registrate da una telecamera a una cinquantina di metri dall’abitazione della famiglia, confermano dunque i dubbi di investigatori e inquirenti che ora vogliono capire perché Veronica ha raccontato loro una versione diversa da quella immortalata nei frame del video. Mamma Veronica aveva raccontato: “ho accompagnato Loris a scuola con la macchina e l’ho lasciato a poca distanza dal cancello”. Però dalle immagini fin ora visionate si vede invece Loris, attorno alle 8.30, scendere dalla Polo nera della mamma e si avviarsi verso il portone di casa. Da quel momento in poi di Loris non ci sono più immagini, almeno tra quelle visionate fin’ora dagli investigatori, per poi ricomparire, dopo 8 ore, esanime, nel canalone poco distante del vecchio mulino. Tesi non condivisa dall’avvocato Francesco Villardita legale della donna: “La signora ha portato Loris a scuola, e ricordo a tutti che non è indagata ed è parte lesa in un’inchiesta per omicidio”.

Il procuratore di Ragusa Carmelo Petralia ha sottolineato che in questa fase ogni notizia non ufficiale può “danneggiare in modo irreversibile” le indagini: “Esistono diversi video che sono allo studio – dice – ci sono 42 telecamere che hanno ripreso 24 ore e sono tutte interessanti e utili”. Lo stesso spiega anche che “non ci saranno tempi lunghi per chiarire le prime cose”. Ciò potrebbe preludere che certezze ancora non ve ne sono e che, gli investigatori hanno imboccato una pista ritenuta interessante. Tra

Orazio Fidone - il cacciatore che ha trovato il corpicino di Loris Stival

Orazio Fidone – il cacciatore che ha trovato il corpicino di Loris Stival

l’altro sul caso, afferma ancora il capo della procura, stanno lavorando “il meglio delle forze di polizia del Paese”, nel team sono contemplati gli stessi uomini del Ros e del Racis che hanno indagato sul caso Gambirasio e altri. Intanto, sul registro degli indagati, resta il solo nome di Orazio Fidone, il cacciatore che sabato pomeriggio ha trovato il corpo di Loris nel fosso poco distante dal vecchio mulino. L’accusa: sequestro di persona e omicidio. E’ un atto dovuto solo per consentire di fare gli accertamenti irripetibili sulla sua auto e sui suoi vestiti. Intanto, nella notte la polizia scientifica ha eseguito una nuova perquisizione nell’abitazione principale di Fidone e anche in quella di campagna di contrada Passo di Scicli. La posizione dell’indagato resta al vaglio degli inquirenti, che continuano a ritenere poco plausibile la spiegazione che l’uomo ha dato del perché, appena saputo della scomparsa di Loris, si è diretto proprio in quel punto dove poi è stato trovato il corpo. Così come sono ancora da chiarire i rapporti dell’uomo con la famiglia Stival. Il procuratore lo dice chiaramente, al momento non è indagata Veronica Panarello. Ma pare chiaro che investigatori e inquirenti vorranno quanto prima acclarare perché la donna abbia mentito e nello stesso tempo espletare una serie di atti ufficiali.

Intanto, Polizia e Carabinieri oggi hanno continuato ad ascoltare le dichiarazioni di diversi testimoni, mentre un buon numero di agenti si sono presentati su mandato della Procura in via Garibaldi a Santa Croce Camerina rimanendo nell’abitazione di Loris fino a tarda sera. Gli uomini della scientifica e del Racis hanno operato anche con il Luminol, per rilevare la presenza di tracce non visibili a occhio nudo, e hanno raccolto una serie di elementi che saranno poi analizzati dagli specialisti dello Sco della polizia e del Ros dei carabinieri. Il procuratore ha spiegato inoltre che non si è trattato di una perquisizione ma di: “atti specifici di polizia giudiziaria finalizzati all’acquisizione di elementi che potrebbero rivelarsi utili al proseguimento delle indagini”. Gli investigatori potrebbero trovare un aiuto importante anche nei tabulati telefonici dalle chiamate effettuate dai familiari di Loris e da persone a loro vicine. Tutti questi dati potrebbero servire a ricostruire contatti e spostamenti di quella tragica mattina e fare luce sul racconto della donna. Le due telecamere puntate sull’ingresso della scuola sono risultate inservibili a causa del temporale di un mese fa che le ha danneggiate. Gli investigatori sono sempre alla ricerca di nuovi indizi come ad esempio un tablet o un telefonino che Loris usava, per capire con chi e se aveva contattato qualcuno o se scambiava messaggi. Oppure tracce della presenza di soggetti diversi da quelli familiari all’interno dell’abitazione o nel garage.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook