Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTA CROCE CAMERINA (RG): MORTE LORIS, CONTINUANO INCESSANTI LE INDAGINI

SANTA CROCE CAMERINA (RG): MORTE LORIS, CONTINUANO INCESSANTI LE INDAGINI

Le ricerche si sono concentrate nel giorno del delitto. Analizzate le immagini della madre per le strade di Santa Croce Camerina. A Ragusa anche gli esperti del Ros che si sono occupati della vicenda Yara Gambirasio.

Print Friendly, PDF & Email

 

SANTA CROCE CAMERINA (RG): MORTE LORIS, CONTINUANO INCESSANTI LE INDAGINI –

Santa Croce Camerina. Ininterrotte le indagini per polizia e carabinieri sulla morte del piccolo Loris Stival, il bambino di 8 anni ucciso quattro giorni fa a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. Le indagini, coordinate dal procuratore Carmelo Petralia e dal sostituto Marco Rota, proseguono e in particolare l’attenzione degli investigatori si concentra sulle immagini delle telecamere che avrebbero ripreso la mamma di Loris nelle strade di Santa Croce la mattina del 29 novembre scorso. La ricostruzione è ritenuta “fondamentale” per il proseguimento delle indagini e quindi l’individuazione dell’assassino. Sono più di dieci le telecamere di impianti di videosorveglianza, pubblici e privati, che sono presenti nel tratto di strada che potrebbe percorrere un’auto per andare da casa Stival alla scuola di Loris. E quasi tutte le vie del paese hanno infatti dei sistemi di sorveglianza le cui riprese sono adesso uno dei filoni più importanti delle indagini. Gli investigatori, su disposizione della Procura di Ragusa, hanno sequestrato tutte le registrazioni che adesso sono al vaglio degli esperti e degli inquirenti. Intanto, Peppino Caggia, proprietario del Mulino Vecchio, struttura che dista 20 metri dal luogo del ritrovamento di Loris Stival, il giorno della mattinata del delitto dichiara di non aver visto nessuno in zona. L’ex carabiniere in pensione, ribadisce che “non è passata nessuna auto, né ho veduto delle persone”. Alla domanda dei giornalisti, anche in qualità di ex militare dell’Arma, su che cosa possa essere allora successo, Caggia ha fornito la sua personale ricostruzione dei fatti: “Visto che secondo l’autopsia sarebbe stato ucciso tra le 10 e le 10.30 e a quell’ora qui non c’era alcuno, secondo me è stato assassinato in un altro posto e dopo portato qui”.

Comunque, a quattro giorni dal ritrovamento del piccolo in quel fosso alle porte del paese, l’inchiesta apre nuovi scenari. Che Loris non sia stato ripreso, nelle registrazioni che riprendono l’auto e madre che lo accompagnava a scuola, non vuol dire che non era in quel veicolo. Comunque ancora è troppo presto, vi sono infatti altri video ancora da visionare e soprattutto le immagini non sono così nitide da poter individuare con certezza gli occupanti della macchina. Ma è evidente che, se anche dall’analisi delle altre telecamere non si trovasse un’immagine in cui il bimbo è stato ripreso, qualche domanda bisognerà porsela. E gli investigatori, in realtà, se la stanno già ponendo visto che la mamma di Loris è stata sentita nuovamente come persona informata sui fatti proprio per chiarire alcuni aspetti relativi a quella mattina e al suo racconto. La prefettura di Ragusa ha ospitato una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per fare il punto a cinque giorni dal delitto. All’incontro, oltre ai vertici provinciali di polizia e carabinieri, partecipano il prefetto Annunziato Vardè e il sindaco di Santa Croce Camerina, Francia Iurato. Un punto sulle indagini sarà fatto nel tardo pomeriggio dal procuratore Carmelo Petralia. Intanto sono a Ragusa gli ufficiali e marescialli del Ros che fanno parte di un gruppo specializzato in indagini su crimini violenti. Sono gli stessi carabinieri che in passato si sono occupati di crimini come l’attentato alla scuola di Brindisi, l’omicidio dei coniugi Burgato di Lignano Sabbiadoro, la vicenda che ha interessato Roberta Ragusa a Pisa e il caso di Yara Gambirasio. Orazio Fidone, il cacciatore che ha trovato il corpo di Loris è indagato, come atto dovuto, nell’inchiesta per sequestro di persona e rapimento, mentre polizia e carabinieri presidiano la zona.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook