Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCOGLITTI (RG): MORTO IL BIMBO SCOMPARSO

SCOGLITTI (RG): MORTO IL BIMBO SCOMPARSO

Il corpo era adagiato accanto alle mura esterne di un mulino. A trovare il corpo esanime del piccolo, un cacciatore che passava nelle vicinanze. Aveva appena otto anni il piccolo sparito a Santa Croce di Camerina. Nessun segno di traumi. La madre lo aveva accompagnato a scuola, ma non è mai entrato in classe. La dolorosa scoperta dopo la mobilitazione degli abitanti del paese.

Print Friendly, PDF & Email

 

SCOGLITTI (RG): MORTO IL BIMBO SCOMPARSO –

Scoglitti. Era lì, morto, accanto alle mura esterne di un mulino abbandonato a Scoglitti paese della riviera ragusana. Si tratta del bambino scomparso a Santa Croce di Camerina, aveva otto anni. I due paesi in provincia di Ragusa distano tra loro di 3-4 chilometri. Il corpo era in contrada Vecchio Mulino, una zona poco frequentata, a scoprire il corpo è stato un cacciatore che era nella zona. I genitori sono stati subito avvertiti. Sul piccolo non sono stati travati segni particolari di traumi. Era regolarmente vestito, asciutto, adagiato su un dislivello in cemento, fuori dalla struttura. Le indagini puntano ad accertare se il piccolo sia caduto da solo o se la sua morte sia delittuosa. La madre ha dato l’allarme all’ora di uscita dalla scuola, le 12.45 e sono scattate subito le ricerche. Alcuni agenti della polizia municipale che erano in servizio davanti al circolo didattico ricordano di avere visto la madre lasciare il figlio a una decina di metri di distanza dall’istituto, in un luogo non ripreso dal sistema di videosorveglianza. E’ partita dunque una vasta battuta in tutta la zona con le unità cinofile: i cani hanno annusato il pigiama che il bambino aveva indossato la notte scorsa e si sono divisi in varie zone del paese. La donna, una casalinga di 25 anni, aveva riferito agli investigatori di aver accompagnato il figlio davanti a scuola stamane. Ma il piccolo non sarebbe entrato in classe; i suoi compagni e la bidella non ricordano di averlo visto. Il padre, un autotrasportatore di trent’anni, è stato avvertito dalla moglie mentre si trovava per lavoro al Nord Italia. La donna è sotto choc e in stato confusionale; non riesce a parlare, neppure con gli investigatori. Le indagini sono concentrate su quattro ore, dalle 8.30 alle 12.30 di stamane. Intanto i militari dell’arma hanno visionato le immagini dell’impianto di videosorveglianza della scuola elementare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook