Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EBOLA: FEBBRE ALTA PER IL MEDICO CATANESE

EBOLA: FEBBRE ALTA PER IL MEDICO CATANESE

I familiari del medico catanese contagiato dall’ebola sono preoccupati per le condizioni del loro congiunto: ha la febbre alta, nausea e spossatezza. Viene curato dai medici dell’ospedale Spallanzani di Roma con un trattamento sperimentale. Il malato non ha perso conoscenza, è vigile e si muove liberamente, in più “è anche un bravo medico e, dunque ha la percezione esatta della situazione e di tutto ciò che gli sta accadendo".

Print Friendly, PDF & Email

 

EBOLA: FEBBRE ALTA PER IL MEDICO CATANESE –

Ebola. Da ieri pomeriggio, il medico catanese di Emergency è ricoverato allo Spallanzani di Roma dove i medici lo stanno curando perché contagiato dal virus ebola mentre si trovava in Sierra Leone. Secondo i sanitari “ha avuto un progressivo peggioramento”. Ha iniziato ad avere disturbi gastrointestinali importanti (nausea, vomito e diarrea)”, secondo quanto riferiscono in ospedale. Al momento, rileva il bollettino sanitario, il medico ha “febbre elevata, superiore a 39 gradi, le sue condizioni generali sono peggiorate, lamenta profonda spossatezza e sonnolenza. Il paziente tende ad assopirsi ma è facilmente risvegliabile, risponde a tono alle domande poste e riesce a deambulare autonomamente nella stanza. I valori dei globuli bianchi e delle piastrine sono sostanzialmente stazionari. Normale la funzione renale e modesta alterazione della funzionalità epatica”.
La moglie e le due figlie sono in grande ansia e si sono chiuse nel più stretto silenzio. Il bollettino rileva anche che “non vi è nessuna nuova manifestazione emorragica e che il medico respira spontaneamente con erogazione di ossigeno al bisogno”. E’ cominciato per lui il terzo trattamento sperimentale: si tratta di una cura mai utilizzata fino a oggi, che agisce sulla risposta immunitaria e ha un meccanismo finalizzato alla riduzione delle infiammazioni. Era stata utilizzata in altre condizioni ma non in pazienti con ebola. il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito spiega: “L’evoluzione della malattia può presentare degli alti e bassi. Stiamo monitorando la situazione e le caratteristiche del virus, e il motivo per cui abbiamo aggiunto questo terzo nuovo farmaco è che agisce con un meccanismo diverso. Ippolito, aggiunge inoltre: “Abbiamo appena aggiunto il nuovo farmaco alla terapia e ora dobbiamo vedere come il paziente reagisce. Egli è vigile, sia pure con maggiore sonnolenza, e si muove liberamente nella sua stanza, anche oggi dopo il peggioramento delle sue condizioni”. Un particolare che può far ben sperare, meglio di tutto può spiegare il suo stato psicologico attuale e Ippolito aggiunge: “Il paziente è anche un bravo medico e, dunque ha la percezione esatta della situazione e di tutto ciò che gli sta accadendo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook