CATANIA: RENZI INCONTRA LA CITTA’ CHE LAVORA

CATANIA: RENZI INCONTRA LA CITTA’ CHE LAVORA

Il presidente del consiglio dei Ministri Matteo Renzi si trova in città in visita ad alcune industrie che si trovano anche nella provincia etnea. Prima visita all'azienda 3Sun dove si producono i pannelli fotovoltaici migliori al mondo. Tappa anche all'industria dolciaria di Belpasso, al Tim Working Capital accelerator e poi man mano gli appuntamenti successivi in agenda. Prevista una sosta in Municipio. Intanto in città manifestazioni di protesta di studenti e precari organizzate in piazza Università. Forse, anche un chiarimento sulla promessa non mantenuta dei fondi alla Nazario Sauro.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: RENZI INCONTRA LA CITTA’ CHE LAVORA –

Catania. Già da questa mattina sono state avviate in città le misure per garantire la massima sicurezza al Presidente del Consiglio durante la sua visita. Il premier Matteo Renzi e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, sono a Catania per una visita ufficiale. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il sottosegretario Graziano Delrio sono arrivati a Belpasso nel Catanese, per un incontro nel sito della Condorelli, famosa azienda dolciaria siciliana. Ad accoglierli i proprietari della società e alcuni lavoratori. Il programma ufficiale prevede l’arrivo allo stabilimento Tre Sun per le 10.45, quindi nello stabilimento Condorelli di Belpasso (11.30) e dopo Tim Working Capital accelerator (intorno alle 12.15). Alle 13.15 il Presidente del Consiglio è atteso al Comune di Catania per

Il presidente Matteo Renzi al municipio di Catania durante l'incontro con i sidaci dei comuni dell'area metropolitana

Il presidente Matteo Renzi al municipio di Catania durante l’incontro con i sidaci dei comuni dell’area metropolitana

incontrare le autorità. Un elicottero si è levato e sorvola le zone dove sono previste le varie tappe del programma stilato da Palazzo Chigi e l’area adiacente il Municipio è blindata. L’arrivo a Palazzo degli Elefanti è previsto alle 13,15. Intanto sono stati convocati i 27 sindaci della nascitura Città metropolitana di Catania e decine di consiglieri comunali. Al Comune Renzi e Bianco dovrebbero discutere di enti locali e rapporti Stato-regioni e per l’occasione sono previste contestazioni. Infatti, alle ore 12.30 circa, in piazza Università si terrà una manifestazione di protesta di studenti, precari, esodati, lavoratori, collettivi, movimenti e soggetti politici. In una nota inviata alle redazioni si legge a chiari termini lo slogan: “disoccupazione, sfratti, precarietà. Cacciamo Renzi dalla città'”. Tra i motivi della protesta vengono elencati dai manifestanti: “L’approvazione del Jobs Act che precarizzerà ancora di più il lavoro e annullerà i diritti di lavoratrici e lavoratori, l’approvazione del decreto Sblocca Italia che apre la strada alla cementificazione del territorio e alle

Tensioni in piazza Piazza Duomo, tensioni - nesun contatto con i dimostranti

Tensioni in piazza Duomo – nesun contatto con i dimostranti

trivellazioni nel nostro mare, i tagli previsti in finanziaria per istruzione, sanità ed enti locali (solo il Comune di Catania subirà 10 milioni di euro di tagli), un tentativo di riforma della scuola che vuole privatizzare ancora di più l’istruzione pubblica, sono misure inaccettabili che vanno bloccate”.

Ritornando all’incontro che si terrà al municipio, Bianco metterà sul tavolo la concretizzazione del Distretto Sud Est che comprende Catania, Ragusa e Siracusa e la realizzazione dell’autostrada ‘Catania-Ragusa’, ma l’emergenza sicurezza e la crisi che attanagliano la città bloccano il progetto. E proprio durante la visita di Renzi si attendono risposte concrete. Risposte che ancora non sono arrivate alla scuola Nazario Sauro di Nesima, dopo la prima promessa (non mantenuta) di Renzi. Il presidente del Consiglio da poco nominato aveva chiesto ai sindaci di indicare un edificio per il quale erano necessari interventi strutturali. Secondo quanto aveva promesso Renzi, doveva essere sufficiente inviare un’email per ottenere lo sblocco dei fondi richiesti in tempi brevissimi. Il Comune di Catania è stato il primo in Italia a chiedere gli importi necessari per mettere in sicurezza la Nazario Sauro. A distanza di 7 mesi il denaro non è disponibile. Ad Attendere il premier esiste anche una Catania che Renzi non vedrà mai: si tratta di cittadini che incarnano il precariato, gli esodati, studenti universitari, dagli abitanti di Biancavilla consumati e uccisi dall’amianto.
Il primo incontro è nel sito della 3Sun, azienda del gruppo Enel Green Power che produce pannelli solari di ultima generazione. Davanti allo stabilimento, il premier si è fermato a parlare con sei delegati della Fiom e con due della Micron con cui ha parlato della vertenza in corso. In merito Renzi ha dichiarato “Qualcuno ci vorrebbe chiusi nei palazzi, ma io giro come una trottola per l’Italia perché vedo che ci sono tanti problemi, ma anche tante eccellenze come questa. I pannelli che produce sono i migliori al mondo perché sono realizzati con la tecnologia più avanzata. Questo è un distretto straordinariamente forte come capacità di invenzione”. Il premier ha anche detto: “Mi sono fermato a salutare ragazzi e ragazze della Fiom di Catania per sottolineare come la vertenza Micron, che aveva 429 esuberi, è stata sostanzialmente risolta: restano sette posizioni da sistemare e le sistemeremo. Gli occupati stanno aumentando, con più di centomila occupati da febbraio. Ma non basta: siccome negli anni precedenti si è perso un milione di posti di lavoro, per riuscire a recuperare c’è ancora tanto tanto lavoro da fare e lo faremo. Occorre guardare il bicchiere mezzo pieno perché gli occupati stanno aumentando anche se di poco, rispetto a quello che vogliamo”. Renzi ha evidenziato inoltre: “L’ultima volta che sono venuto in Sicilia c’era la questione di Gela aperta che è stata risolta. Termini Imerese ha iniziato un percorso con spirito costruttivo e con clima di collaborazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook