PALERMO: LANDINI CON OPERAI E STUDENTI CONTRO IL JOBS ACT

PALERMO: LANDINI CON OPERAI E STUDENTI CONTRO IL JOBS ACT

Nel corteo migliaia di lavoratori e studenti contro il Job Act

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: LANDINI CON OPERAI E STUDENTI CONTRO IL JOBS ACT –

Palermo. Questa mattina nel capoluogo siciliano sono in corso manifestazioni di lavoratori e studenti. Sono scesi in piazza per protestare e dire no al Jobs Act. il corteo degli operai, per la giornata palermitana dello sciopero nazionale della Fiom, è partito dai Cantieri navali per poi raggiungere piazza Verdi, nello spazio antistante il teatro Massimo dove è prevista la presenza di circa cinquemila manifestanti. Alla protesta si sono aggiunti altri organizzati dagli studenti che bloccheranno il traffico in diversi punti della città. Previsti cortei nella zona di via Principe di Paternò, via Notarbartolo, Piazza Mordini. Gli operai dei Cantieri navali dai cancelli dello stabilimento si sono mossi in corteo verso piazza Mordini, dove hanno raggiunto gli studenti e arrivare insieme a piazza Verdi. In piazza anche Maurizio Landini, segretario nazionale della Fiom che prosegue il suo “tour” delle piazze d’Italia e dal palco di Palermo, dove ha guidato un corteo di cinquemila persone, il leader è durissimo nei confronti del premier: «Renzi ha fatto anche peggio di Berlusconi sull’articolo 18». E annuncia battaglia in sede europea contro il Jobs Act: “Renzi ci sta riportando al 1800 – attacca Landini –. Bisognerebbe ricordargli che il diritto di coalizione, il diritto, cioè, delle persone di organizzarsi collettivamente per fare il sindacato, lo riconobbe in Inghilterra, alla fine dell’Ottocento, un governo liberale perché riconosceva che il singolo lavoratore da solo è più debole nei confronti dell’impresa”. il segretario dei metalmeccanici della Cgil ha aggiunto: “questo principio liberale oggi viene messo in discussione. Vuol dire che singole persone sono da sole di fronte all’impresa, che è più forte e cancellare questa logica significa tornare indietro e mettere in discussione la libertà della persona”. Commentando l’incontro di ieri Tra Renzi e Tony Blair, Landini aggiunge: “Blair non ha portato grandi risultati in Europa, la logica di far fare alle imprese non ha portato a grandi risultati. Non mi pare sia una innovazione da seguire”.

La Fiom inizierà una battaglia giuridica contro il Jobs Act e il leader Landini ha affermato che non si esclude un ricorso davanti alla Corte di giustizia europea, poi ha chiosato: “metteremo in campo qualsiasi iniziativa giuridica nei confronti dell’Europa, perché quelle regole sono contro la Carta dei diritti europei, la Carta di Nizza. Stiamo valutando come procedere. Vogliamo che le leggi e le costituzioni vadano rispettate. Non ci fermiamo davanti a un provvedimento sbagliato voluto dal governo e votato dal Parlamento”. Tra i manifestanti presenti anche gli operai della Fiat e quelli dell’Ansaldo Breda, in cassa integrazione fino a fine anno, insieme gli ex lavoratori della fallita Keller che tra qualche giorno saranno definitivamente licenziati. E ancora: i metalmeccanici del petrolchimico di Gela, gli operai della St Microelectronics di Catania, gli operatori dei call center Accenture, in mobilità. Pullman sono arrivati da altre province della Sicilia. Il leader regionale della Fiom, Roberto Mastrosimone, che nel passare in rassegna le annose vertenze dei metalmeccanici siciliani, dove le fabbriche hanno chiuso da tempo e gli operai sono in cassa integrazione, ha sottolineato che l’accordo sul petrolchimico di Gela “è tutto da verificare”. Mastrosimone, che non si è risparmiato e si è rivolto al presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta: “piuttosto che di rimpasti e rimpastini, si occupi delle questioni del lavoro e dello sviluppo. Non c’è più tempo da perdere”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook