Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EBOLA: MEDICO CATANESE, ”SONO IN BUONE MANI”

EBOLA: MEDICO CATANESE, ”SONO IN BUONE MANI”

Il medico catanese è arrivato ieri a Roma per le cure, è stato ricoverato nell’ospedale Spallanzani che si trova nella capitale in condizioni definite non preoccupanti. Il paziente è arrivato dal campo Emergency di Lakka. Gli esami hanno confermato la presenza del virus nel sangue. Le sue condizioni generali sono considerate buone. La moglie: "Basta speculazioni"

Print Friendly, PDF & Email

 

EBOLA: MEDICO CATANESE, ”SONO IN BUONE MANI” –

Catania. E’ catanese il primo malato di Ebola italiano. Il paziente è arrivato ieri a Roma dal campo di Lakka di Emergency. Gli esami hanno confermato la presenza del virus nel sangue. Le sue condizioni generali sono considerate buone. Il medico catanese 50enne, di cui è trapelato il nome, ha contratto l’Ebola durante la sua prima missione con Emergency in Sierra Leone, prima di partire per l’Italia e durante la degenza rimane in contatto con la sua famiglia. La notizia è riportata da alcuni quotidiani che hanno pubblicato colloqui con moglie e una figlia. “State tranquilli, è tutto sotto controllo: mi sento bene e sarò curato”, come scrive La Stampa, riferendosi al medico a una delle sue due figlie, la più grande. Le parole del medico di Emergency contagiato dall’Ebola e ricoverato allo Spallanzani di Roma, riferite da un amico, suo primario in ospedale, e riportate da Repubblica, che, come altri quotidiani, pubblica virgolettate frasi attribuite all’uomo, del quale è trapelato il nome di battesimo e l’ospedale in cui lavora in Sicilia. Il medico ricoverato dice: “Allora, voi come state? E i miei pazienti? Come stanno oggi?”. “Mi fa male un po’ la schiena. Sai, dieci ore su quella barella, prima in ambulanza, poi in aereo, non è proprio il massimo. È davvero una posizione scomoda”, scrive ancora il quotidiano. Un articolo del Messaggero il viaggio dalla Sierra Leone a Roma: “Per tutto il tempo, come vuole la procedura, sono rimasto nella barella ad alto contenimento. Immobile. Prima ci sono state lunghe ore in ambulanza per raggiungere l’aeroporto dall’ospedale in Sierra Leone. Poi altre sei sul Boeing dell’Aeronautica. Ora finalmente sono qua”.
Il Corriere della Sera riporta le parole della moglie, che ha deciso di non partire per Roma per sottrarsi al ‘circo mediatico’, come aveva detto ieri: “Un po’ s’è arrabbiato controllando i siti Internet, scoprendo praticamente il suo identikit, pur in assenza di nome e cognome”. Il motivo è che vuole tutelare la madre “da una preoccupazione troppo grande per l’età e per il cuore”. Poi Qn ha pubblicato un suo intervento che dice: “State tranquilli, ce la farò” e “sono in buone mani. Mi cureranno. Ci vediamo presto”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook