Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: BEBÈ ABBANDONATA IN UN CASSONETTO, È SPIRATA

PALERMO: BEBÈ ABBANDONATA IN UN CASSONETTO, È SPIRATA

Aveva ancora il cordone ombelicale attaccato, è stata trovata in via Di Giorgi abbandonata in un cassonetto. A dare l'allarme un uomo che frugava tra l'immondizia. Inutili i tentativi di soccorso è spirata appena arrivata in ospedale

Print Friendly, PDF & Email

 

PALERMO: BEBÈ ABBANDONATA IN UN CASSONETTO, È SPIRATA –

Palermo. La tragica vicenda è accaduta nel capoluogo siciliano. La piccola aveva ancora il cordone ombelicale ancora attaccato. E’ stata trovata da un uomo che frugava in un cassonetto dell’immondizia posto sulla via Di Giorgi. L’uomo avrebbe chiamato alcuni passanti che poi avrebbero telefonato al 118 da un luogo di ristorazione poco distante. Secondo le prime indagini la neonata sarebbe nata circa due ore prima del ritrovamento. La bimba appena nata è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Civico, dove è spirata poco dopo. Le cause del decesso: una insufficienza cardiorespiratoria. La piccola è stata intubata e i medici hanno, invano, tentato di rianimarla. La Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta, sono in corso le indagini per arrestare chi ha depositato il bebè nel cassonetto dell’immondizia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook