Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SCOPERTA BANDA DI TRUFFATORI, CLONAVANO BANCOMAT E CARTE DI CREDITO

CATANIA: SCOPERTA BANDA DI TRUFFATORI, CLONAVANO BANCOMAT E CARTE DI CREDITO

Fermate due persone, farebbero parte di un'organizzazione internazionale responsabile di truffe in Sicilia specializzata in prelevamenti all'estero. L’ammontare delle somme rubate è quantificabile in centinaia di migliaia di euro. I due sono stati bloccati mentre installavano uno ‘skimmer’ in uno sportello automatico di un istituto bancario del centro di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: SCOPERTA BANDA DI TRUFFATORI, CLONAVANO BANCOMAT E CARTE DI CREDITO –

Catania. Le due persone fermate erano arrivate nel capoluogo etneo la scorsa settimana e poste subito a pedinamento dal personale della Polizia. Dopo aver alloggiato in un hotel della città avevano avviato una serie di sopralluoghi presso gli sportelli bancomat della provincia etnea. I malviventi, mentre tentavano di applicare, su uno sportello bancomat di un istituto bancario del centro della città, un’apparecchiatura che permette di carpire dati informatici delle carte di debito o di credito ‘skimmer’, gli agenti del Compartimento Postale e delle Comunicazioni della polizia di Stato di Catania hanno arrestato due bulgari, di 40 e 29 anni. Gli arrestati erano in possesso di numerose e sofisticate apparecchiature informatiche di ultimissima generazione e anche di diversi cappelli con visiera con i quali gli indagati tentavano di nascondere il viso dalle videoriprese degli istituti di credito. La banda, attraverso gli skimmer – strumenti di dimensioni tali da poter essere occultati in maniera “quasi invisibile” negli sportelli Atm – copiavano, all’interno di una memoria, i dati acquisiti dalle carte di pagamento degli ignari utenti. Nello stesso tempo, tramite una microcamera nascosta dotata anche di rilevazione dei suoni, individuavano il Pin digitato. I dati così acquisiti consentivano di creare carte clonate in grado di essere utilizzate per prelievi e transazioni illecite dall’estero.

Una volta bloccati, i due bulgari, sono stati trovati in possesso di banconote tailandesi prelevate proprio in Tailandia, dove uno degli arrestati si era recato di recente, e dove aveva utilizzato carte bancomat e di credito clonate in Sicilia. i sospettati erano tenuti sotto controllo dalla polizia postale di Catania che ormai li seguiva da tempo e li teneva sotto controllo perché sospettava che facessero parte di un’organizzazione internazionale che ha la ‘centrale operativa’ all’estero. Il gruppo di malfattori si avvale di apparecchiature con tecnologie all’avanguardia e particolarmente sofisticate: skimmer e videocamere di ultimissima generazione così piccoli da renderli facilmente mimetizzabili. Il meccanismo di azione è sempre lo stesso: una volta piazzata la strumentazione i ‘ladri di codici’ si appostano vicino al bancomat, attendono che un cliente faccia un prelievo per carpirne i codici segreti. Secondo la Polizia gli arrestati possono essersi resi responsabili dell’applicazione di numerosi skimmer in sportelli bancomat in Sicilia, per poi prelevare all’estero centinaia di migliaia di euro. Continuano le indagini per identificare eventuali complici e assicurare alla giustizia l’intera banda.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook