Archiviato in | Incontri, Sicilia in Cucina

ANTONELLA CLERICI – INTERVISTA

ANTONELLA CLERICI – INTERVISTA

La signora del mezzogiorno, infatti, è stata la madrina del nono anniversario di Etnapolis che fino al 9 dicembre promuove una serie di incontri dedicati alla cucina d’autore con ospiti i più popolari protagonisti dello show coking in tv.

Print Friendly, PDF & Email

 

ANTONELLA CLERICI – INTERVISTA

Una esplosione di gente ha accolto l’arrivo della simpaticissima Antonella Clerici ad Etnapolis. La signora del mezzogiorno, infatti, è stata la madrina del nono anniversario di Etnapolis che fino al 9 dicembre promuove una serie di incontri dedicati alla cucina d’autore con ospiti i più popolari protagonisti dello show coking in tv. Il primo giorno a festeggiare questo importante compleanno è intervenuta Caterina Balivo affiancata da Matteo Torretta e Tommaso Arrigoni. Ieri, invece, è stata la volta della “Antonellina” nazionale. La solare Clerici , è la madre della cucina in televisione. Da 15 anni, ogni giorno “entra” nelle case degli italiani con “La Prova del Cuoco” su Rai Uno. Da quest’anno accompagna gli spettatori anche con “Dolci dopo il Tiggì”. Ad accoglierla, il direttore di Etnapolis Alfio Mosca che l’ha accompagnata tra una folla festosa che fin dalle prime ore della mattina aspettava l’arrivo della loro beniamina.   La Clerici, per tutti, è considerata “una di famiglia”.

“Adoro la Sicilia – ha spiegato la Clerici – quando progetto le mie vacanze penso sempre di venire qua. Quest’estate ho passate le vacanze proprio qui in Sicilia. Sono venuta per tante ragioni. Qui – continua la regina del mezzogiorno – ho tanti amici e poi quest’estate sono venuta a vedere i miei ragazzi de “Il Volo” a Taormina. Amo moltissimo questa Terra, perché è un posto che ha una storia ed una cultura indescrivibile. Odio quei posti solo di moda. Qui si respira un forte sentimento da parte della gente. Adoro il sole, il mare e la cordialità delle persone”.

Come si spiega questo enorme successo che ha la cucina in televisione?

“Quando 15 anni fa ho iniziato a parlare di cucina in tv, tutti mi guardavano come se fossi matta.  Adesso su ogni canale non c’è un programma che non parla di cucina. Evidentemente prima è stata una moda, adesso è una realtà. In Italia era anche normale, noi siamo conosciuti per la buona tavola e per la moda.  Prima o poi doveva uscire questo lato godereccio che noi italiani abbiamo”.

Il suo piatto preferito?

“Ovunque vado mangio tutto. Sta mattina ho mangiato delle sarde a baccafico buonissime. In Italia, paese che vai… cucina che trovi. Mi piace tutto, dalle carni e formaggi del Piemonte ai piatti siciliani. Adoro molto l’agrodolce e quindi oggi mi trovo nel posto giusto. Non mi piace tanto il pesce, però cucinato qui è sempre buono”.

Purtroppo nella puntata di venerdi scorso, un cuoco in gara a “La Prova del Cuoco” in un dispiacere generale si è venuto a sapere della sua decisione di chiudere il proprio ristorante per problemi economici. Come pensa di aiutarlo?

“Sicuramente di dargli una opportunità televisiva. Più visibilità avrà, più possibilità di lavoro gli arriveranno. Lo so per esperienza personale, perché tutti i miei cuochi hanno fatto una carriera nella ristorazione importante. Molti di loro hanno ampliato i propri ristoranti, altri sono stati andati a lavorare in ristoranti prestigiosi. La pubblicità sicuramente li aiuta. Questo cuoco è un ragazzo di cuore. Si vede quando uno finge e quando invece è genuino. Lui lo è e quindi va aiutato. Anche se ha perso la gara, ho deciso che sia giusto continuare a dargli una visibilità. Un ragazzo che ha volontà è giusto che meriti un aiuto”.

Come è nato “Dolci dopo il Tiggi”?

“E’ un appendice del mezzogiorno. Nel nostro menù mancava il dolce e allora abbiamo deciso di raccontarlo meglio con un programma dedicato”.

Il suo dolce preferito?

“Il profitterol”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook