Archiviato in | Incontri, Musica

CATANIA: RENZO ARTBORE ALLA FELTRINELLI – INTERVISTA

CATANIA: RENZO ARTBORE ALLA FELTRINELLI – INTERVISTA

“… E pensare che dovevo fare il dentista” è il suo doppio album che riassume le imprese musicali che lo hanno accompagnato in questi 50 anni di carriera. L’incontro, presentato da Roberta Lunghi con le simpatiche incursioni di Salvo La Rosa

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Un pubblico delle grandi occasioni ha affollato “La Feltrinelli” di via Etnea a Catania per l’incontro con il maestro Renzo Arbore. “… E pensare che dovevo fare il dentista” è il suo doppio album che riassume le imprese musicali che lo hanno accompagnato in questi 50 anni di carriera. L’incontro, presentato da Roberta Lunghi con le simpatiche incursioni di Salvo La Rosa, ha fatto conoscere ancora di più la grande professionalità e simpatica del maestro Arbore.

Come nasce “… E pensare che dovevo fare il dentista…”?

“Quando ho visto la mia collezione di medaglie, di tappe, di foto, di successi e di esibizioni dal vivo, non volevo fare un titolo non ironico. Ho voluto ricordare mio padre che mi diceva sempre perché non fai il dentista, invece di andare “appresso” alla musica.  Io sognavo di essere un ragazzo della banda. Imitando quello che suonava il clarinetto è nata la mia carriera. In questo album c’è tutto, jazz, blues, musica napoletana”.

Ironia e musica è un binomio vincente?

“Il grande maestro è stato Renato Carosone. C’è chi prende la musica sul serio e c’è chi si diverte. Ci sono quelli seriosi che cantano seriosi e quelli che nella vita sono scherzosi ma magari cantano seriosi. Io ho scelto di non prendermi molto sul serio ma il disco è stato preso molto sul serio”.

Lei è stato uno scopritore di tanti talenti. Cosa ricorda con piacere?

“Non ho fatto grande fatica a guidare questi ragazzi.  Tutto fatto con grande armonia. Nessuno parla male di me, perché non ho mai fatto fregature a nessuno. Alcuni sono più vicini, altri hanno volato da soli. Grazie a Dio c’è sempre stata un’ottima amicizia tra di noi. Ci si innamora con quelli a cui c’è più sintonia”.

Precursore di tante trasmissioni di successo, come mai  oggi non ci sono più dei bei programmi. Finita la fantasia?

“Oggi si è scelto un filone che non è il mio. I filoni erano 2. I classici e l’improvvisazione. Io e Boncompagni abbiamo cominciato a fare quello che si chiama climax, che in realtà è cazzeggio. Dalla radio l’ho portato in televisione. Questa scuola si è persa. Oggi si scrive, si fanno le imitazioni, si fanno un po di smorfie. Le battute sono buone però non c’è improvvisazione. L’ultimo grande evento è stato con Nino Frassica e le nostre 65 puntate improvvisate”.

Lei è un pilastro della musica, c’è ancora spazio per i giovani. Che consigli si sente di dare?

“Il futuro è straordinario grazie anche  alla rete. Il web è la provvidenza. Io per imparare un blues dovevo andare in una biblioteca americana e scrivermi il testo. Adesso con un click hai il testo. La tecnologia fa l’arte del futuro. Spero che, però, continuino a suonare gli strumenti. Mi dispiacerebbe se il clarinetto nel futuro si potesse suonare con un tasto”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook